Lola Larra e Vicente Reinamontes | A Sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione

Ammetto che quando ho deciso di rimanere l’ho fatto soprattutto per te. Perché mi avevi sfidato, perché mi piacevi e perché ero curioso. Ma non è per te che sono ancora qui (…) Non posso dire che mi sento coinvolto in tutto quello che succede e che credo in tutto quello che viene detto nelle assemblee. Però ormai ci sono dentro, ormai sento di farne parte (…) mi emoziona pensare che in questo stesso momento ci sono molti altri come noi, ognuno nella propria scuola (…) che reclamano attenzione sulla pessima educazione che riceve la maggior parte degli studenti, e noi qui (…) siamo solidali con loro [A Sud dell’Alameda, Lola Larra e Vicente Reinamontes, trad. R. D’Alessandro]

Santiago del Cile, maggio 2006. Il Cile non si è qualificato per i Mondiali di calcio e Nicolas, portiere di una squadra di dilettanti, ne è dispiaciuto e ha deciso di tifare per la Francia. In quel maggio autunnale, mentre incomincia a soffiare una brezza ben più fredda, Nicolas però ha altro a cui pensare.

Assieme ad un gruppetto di compagni e amici, Nicolas sta occupando da tre giorni la sua scuola privata. Nel resto della città e del Cile, sono tanti gli studenti come lui che stanno facendo occupazione: chiedono, tutti in coro, una scuola più giusta, servizi gratuiti alle fasce più povere, l’abolizione della LOCE, una legge che risale agli anni della dittatura e volta a discriminare i ragazzi poveri, e il test gratuito di ammissione alle università. La stampa chiama questi studenti pinguini, per via della divisa adottata nelle scuole cilene, e la protesta assume il nome di “Revolución de los pingüinos“.

Sebbene la mamma e il papà di Nicolas abbiano partecipato con animo e cuore alle proteste dell’ottantacinque e dell’ottantasei contro Pinochet, Nicolas non si sente un rivoluzionario ma decide di proseguire l’occupazione perché è affascinato da Paula, una compagna di classe dal carattere piuttosto vivace.

Nicolas affida i suoi pensieri al diario personale che tiene ben nascosto nell’aula 6, dove dorme. Racconta del cibo che scarseggia, dei carabinieri che vorrebbero farli sgomberare, del supporto del preside, della paura e dei dubbi se restare davvero o tornare a casa, il luogo sicuro dove è rimasta la sua sorellina minore.

Allo stesso tempo, tra le righe del suo diario, si legge una consapevolezza via via crescente: Nicolas cambia e matura, capisce che l’occupazione significa combattere pacificamente per chiedere alla Presidente Bachelet ciò che è giusto per la scuola cilena. I ragazzi e i bambini sono il futuro del Cile ed essi devono essere formati in modo migliore per far crescere il Paese.

In quest’occupazione sembra che tutti abbiano un titolo, un incarico e un lavoro. A parte me [A Sud dell’Alameda, Lola Larra e Vicente Reinamontes, trad. R. D’Alessandro]

A Sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione” scritto da Lola Larra e illustrato da Vicente Reinamontes (Edicola ediciones, 18 €) è il racconto, scritto in modo semplice, scorrevole e a tratti ironico, di quattro giorni di occupazione in una scuola privata a Santiago del Cile: le pagine azzurre del diario di Nicolas, con i testi scritti da Lola Larra, si alternano alle belle tavole disegnate da Vicente Reinamontes.

A raccontare le dinamiche interne del gruppetto di giovani occupanti, è appunto Nicolas, un ragazzo che proviene da una buona famiglia, la voce narrante dell’intero libro.

Man mano che si avvicina la data della marcia di protesta, durante la quale tutti gli studenti delle scuole aderenti all’iniziativa si uniranno, la tensione nell’istituto cresce. In questo lasso di tempo, Nicolas impara a mettere da parte i timori e i dubbi sulla sua partecipazione, capendo quanto è davvero importante che lui sia lì. Si mangia poco, si dorme male, si vive con la costante paura di uno scontro con i carabinieri, ma si va avanti.

Perché quello che Nicolas arriverà a capire poco prima della marcia di protesta è che è giusto – anzi, necessario – combattere per i propri diritti e quelli dei ragazzi meno abbienti. “A Sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione” potrebbe essere un buon libro da leggere per gli studenti italiani, per far loro conoscere una realtà diversa e per far capire come e quanto si deve lottare, spesso, per i propri ideali e per il proprio futuro.

Sette giorni possono cambiarti. Da allora è passato un anno e adesso più che mai credo che la battaglia per un’educazione di qualità per tutti, per un paese più giusto, sia qualcosa di possibile. Ci stiamo lavorando. Siamo tanti. Siamo dappertutto [A Sud dell’Alameda, Lola Larra e Vicente Reinamontes, trad. R. D’Alessandro]

Titolo: A Sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione
L’Autrice: Lola Larra
Il disegnatore: Vicente Reinamontes
Traduzione dallo spagnolo: Rocco D’Alessandro
Editore: Edicola Ediciones
Perché leggerlo: per conoscere una realtà diversa e per capire come e quanto si deve lottare, spesso, per i propri ideali e per il proprio futuro

(© Riproduzione riservata)

Annunci

3 pensieri su “Lola Larra e Vicente Reinamontes | A Sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione

  1. Pingback: Lola Larra e Vicente Reinamonte, “A Sud dell’Alameda” Diario di un’occupazione |

  2. La tua recensione mi ha piacevolmente colpita. Credo anch’io che sia un libro da suggerire ai colleghi di lettere per far capire meglio ai discenti l’importanza di avere dei valori in cui credere e per cui vivere.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.