Ruska Jorjoliani | La tua presenza è come una città

Nella prosecuzione del mio percorso di letture sulla letteratura dell’ex-blocco sovietico, mi sono imbattuta in una vera e propria perla letteraria: “La tua presenza è come una città” di Ruska Jorjoliani (Corrimano edizioni, 169 pagine, 14 euro). Nel romanzo d’esordio la scrittrice di origini georgiane che oggi vive a Palermo racconta in modo originale circa cento anni di storia del suo paese, principalmente attraverso la voce di un bibliotecario che con lettere, oggetti e ricordi personali riporta alla luce le vicende legate alla sua famiglia.

20160205_154305

Titolo: La tua presenza è come una città

L’Autrice: Ruska Jorjoliani è nata a Mestia, Georgia, nel 1985. Nel 2007 si è trasferita a Palermo, dove dopo due anni dopo ha vinto il suo primo premio letterario “Mondellogiovani Sms-poesia”, dove si è laureata in filosofia, e dove vive e studia tuttora

Editore: Corrimano edizioni

Il mio consiglio: è un libro che mi è piaciuto tantissimo, e lo consiglio a chi è alla ricerca di un romanzo particolare, poetico e sperimentale, dove racconti, eventi, fiabe e oggetti narrano con maestria la vita di due amici russi e dei loro figli sovietici

Per l’intero tragitto, e successivamente lungo il cammino ghiaioso verso l’orto botanico, Viktor ci parlò delle “avventure moscovite di due sempliciotti di Misoslav”. Ci raccontò di come lui e lo zio Dima, più o meno alla nostra età, si davano appuntamento ogni venerdì pomeriggio vicino al lago che adesso faceva parte del complesso dell’orto botanico e di come passeggiavano su e giù per i sentieri acquitrinosi fino a che non si sfiancavano, si sedevano su una panchina davanti alla villa dei Šeremetev e aspettavano il tramonto. Poi il guardiano li cacciava a colpi di scopa. [La tua presenza è come una città, Ruska Jorjoliani, citazione pagina 101]

Nei primi del Novecento due ragazzini si incontrano quasi per caso a Misoslav, una cittadina russa. Il piccolo Viktor Almasov per mano al papà veterinario e il piccolo Dimitri Florensov per mano a suo nonno Kirill. Entrambi sono alla ricerca del diacono e quello è il primo tratto di strada che percorrono assieme i due ragazzini.

Col passare del tempo, Viktor e Dimitri mostrano le loro inclinazioni, il primo si dedica alle scienze e diventa ingegnere specializzato in costruzione – e distruzione – di ponti, mentre il secondo dall’animo poetico diventa professore di letteratura russa. Ma se l’amicizia che lega Dimitri e Viktor è solida e condivisa, non si può dire lo stesso dei loro pensieri riguardo alla rivoluzione russa.

Dimitri, infatti, non crede nella causa sovietica, né nella rivoluzione, e un giorno dopo un acceso dibattito con l’amico Viktor, Dimitri entra in aula e di fronte ai suoi studenti stacca il ritratto di Lenin 20 x 30 e lo fa volare dalla finestra. Questa libertà costerà molto cara al professore antirivoluzionario: Dimitri dapprima verrà rinchiuso in prigione e poi mandato al confino nelle gelide e inospitali isole Solovki, nel Mar Bianco.

Viktor viene costretto dagli inquirenti a compiere un gesto che non avrebbe voluto fare e pentito prende con sé Šošanna e Kirill, moglie e figlio neonato di Dimitri, dividendo lo stesso tetto con la moglie Alina e il piccolo Saša. Saša e Kirill crescono assieme, tanto che quando andranno a frequentare l’università a Mosca tutti li crederanno fratelli di sangue. Ma entrambi, sia Saša Almasov che Kirill Florensov, pur non essendo fratelli, hanno in comune il sapersi distinguere rispetto agli altri studenti.

Almasov un giorno mi disse che il suo eroe era suo padre, e quando gli chiesi tra Stalin e suo padre chi fosse secondo lui l’eroe più grande, non mi rispose nulla. Questa storia la raccontai a casa e i miei mi dissero che era meglio tenermi alla larga da lui. Ora capisco che avevano ragione (…) Sì, ma gli eroi mica crescono i figli dei nemici del popolo come fossero i propri, ed è ciò che pare sia accaduto nel caso degli Almasov. Compagni, qui abbiamo a che fare con qualche buon germe in mezzo a tanta gramigna, e un buon contadino, quando toglie la gramigna, la toglie tutta (silenzio). [La tua presenza è come una città, Ruska Jorjoliani, citazione pagine 125-126]

E’ il bibliotecario Saša, oramai adulto, che con tono poetico e lirico snocciola al lettore pochi ricordi alla volta, spesso giocando con il tempo, anticipando qualche evento che verrà compreso solo qualche pagina dopo, arrivando ad ottenere un risultato narrativo sorprendente dove ogni singolo dettaglio trova il suo posto nel romanzo.

Leggere il romanzo “La tua presenza è come una cittàè come iniziare un lungo viaggio in treno: ve li immaginate i vetri del vagone ricamati dal ghiaccio mentre voi siete comodamente seduti nelle poltroncine e gettate l’occhio all’immenso paesaggio russo? Ad ogni stazione, ecco spuntare un racconto di Saša, qualche parola in più che messa assieme alle altre dà il senso della storia. Stazione dopo stazione, racconto dopo lettera, oggetto dopo fiaba russa, il treno sferragliante giunge alla lontana stazione finale: i passeggeri scendono dai convogli, con il cuore leggero, dopo che ogni tassello narrativo ha regalato chiarezza a questo breve ma immenso romanzo.