Mercé Rodoreda | La piazza del Diamante

La signora Enriqueta mi aveva detto che avevamo molte vite, l'una intrecciata all'altra, ma he una morte o un matrimonio qualche volta, non sempre, le separava, e allora la vita vera, libera da tutti i fili della vita misera che l'avevano legata, poteva vivere come avrebbe potuto vivere da sempre se le vite misere e … Leggi tutto Mercé Rodoreda | La piazza del Diamante

Julia Phillips | La terra che scompare

"Novità sulle ricerche?" gli chiese.Maks scrollò la testa. "Quando inizierà a nevicare non ci saranno più volontari disposti a uscire. Adesso il tenente Rjachovskij sostiene che le bambine potrebbero essere state portate via dalla Kamchatka." (...)Era possibile lasciare la Kamchatka soltanto via aria o via mare. Anche se la penisola non era più un territorio … Leggi tutto Julia Phillips | La terra che scompare

Azra Nuhefendić | Le stelle che stanno giù. Cronache dalla Jugoslavia e dalla Bosnia Erzegovina

Il più profondo dolore diminuisce con il tempo, con il passare degli anni siamo in grado di accettare anche le perdite che ci parevano inammissibili, tutto passa tranne il sentimento provocato dall'ingiustizia. Quello cresce, si rafforza con il passare del tempo. E' il germoglio della futura vendetta. Può restare a lungo assopito, si risveglia quando … Leggi tutto Azra Nuhefendić | Le stelle che stanno giù. Cronache dalla Jugoslavia e dalla Bosnia Erzegovina

Lydie Salvayre | Non piangere

Ascolto mia madre e per l'ennesima volta mi pongo la domanda che continua a frullarmi per la testa da quando ha cominciato a raccontarmi la sua fantastica estate: Che cosa è rimasto in lei di quell'epoca (...)? Solo qualche ricordo, o qualcosa di più? I suoi sogni di allora si sono dissolti? (...) O c'è … Leggi tutto Lydie Salvayre | Non piangere

Sara Bertrand | Album di famiglia

Io non avevo che un sogno: che morisse il dittatore. Che cadesse sotto la stessa violenza che aveva diffuso. Che morisse, così non avremmo più pronunciato il suo nome, come se il suo stupido modo di parlare fosse meno percepibile degli acari. Come se non fosse mai stato vero, e potessimo ridurlo a zero. Come … Leggi tutto Sara Bertrand | Album di famiglia

Heloneida Studart | La libertà è un passero blu

Tuttora non so come sia nato l'amore. All'epoca in cui vivevo rintanata nella biblioteca municipale, divorando le parole dei libri, mi piaceva inventarmi teorie sull'amore. Oggi, non lo so. E' tutto legato a un sogno fatto quando avevo circa diciotto anni (...) Quando mi svegliai, l'amore non era passato, e non mi aspetto che passi … Leggi tutto Heloneida Studart | La libertà è un passero blu

María Ospina Pizano | Gli azzardi del corpo

"Sono cresciuta a Teorama, una cittadina nel Norte di Santander. Ma è da un bel po' che lavoro a Bucaramanga e a Bogotá."La parte vera della risposta la dice con orgoglio, contravvenendo a ogni consiglio della psicologa. Durante la prima terapia di gruppo organizzata dall'Agencia avevano suggerito di immaginare la loro peripezia come una transizione … Leggi tutto María Ospina Pizano | Gli azzardi del corpo

Sudamerica A/R: viaggio in tappe in compagnia delle voci femminili sudamericane

Nel corso della mia carriera di lettrice ho letto parecchia letteratura straniera, saltellando qua e là in ogni angolo del globo, passando da un luogo all'altro senza un'apparente logica, seguendo l'ispirazione del momento. L'idea di realizzare e seguire un percorso di lettura mi è sempre piaciuta e ora ho deciso di mettermi alla prova e … Leggi tutto Sudamerica A/R: viaggio in tappe in compagnia delle voci femminili sudamericane

Kemal Yılmaz | Elefteria di Istanbul

Suo nonno, sua nonna, la sua prozia, sua madre, e con loro migliaia di altri greci, erano arrivati dalla Turchia nel 1955. Si erano dispersi ai quattro angoli di Atene, dove avevano ripreso la loro quotidiana lotta per la sopravvivenza.- Perché non sei rimasta a Istanbul? - aveva chiesto una volta alla madre.E lei le … Leggi tutto Kemal Yılmaz | Elefteria di Istanbul

Marjane Satrapi | Persepolis. Storia di un’infanzia

Questa sono io quando avevo dieci anni. Era il 1980 (...) Nel 1979 c'è stata una rivoluzione che poi hanno chiamato "la rivoluzione islamica". Poi venne il 1980: il primo anno in cui nelle scuole il foulard diventò obbligatorio (...) Soltanto un anno prima, nel 1979, frequentavamo una scuola francese e laica, dove eravamo in … Leggi tutto Marjane Satrapi | Persepolis. Storia di un’infanzia