Elizabeth Jane Howard | Gli anni della leggerezza

“Davvero ti fa paura che io vada via?”.
“Ma certo!”.
“È già qualcosa”. Cercava di sembrare arrabbiata, ma si capiva che era contenta.
Hugh si alzò in piedi. “Andiamo a dare un’occhiata alla tua nuova stanza e vediamo che cosa si può fare per migliorarla.”
“Va bene, papà”. Gli prese la mano, ma era quella sbagliata; diede una rapida carezza alla calza di seta nera che copriva il moncherino del padre e poi disse: “Non è certo come stare in trincea durante una guerra: credo che alla fine mi ci affezionerò”.
Aveva in viso un’espressione seria, nello sforzo di nascondere quanto fosse in pena per lui. [Gli anni della leggerezza, E. J. Howard, trad. M. Francescon]

Inghilterra, 1937. I tre fratelli Cazalet e le rispettive famiglie si preparano per andare a trascorrere le vacanze estive a Home Place, nel Sussex, la dimora di proprietà dei genitori affettuosamente soprannominati il Generale e la Duchessa. Assieme ai genitori, a Home Place, vive la sorella minore, Rachel, donna tormentata da forti mal di schiena e da un amore che non può manifestare liberamente.

Sono davvero numerosi, i Cazalet. William Cazalet, il Generale, è proprietario di una grande azienda che si occupa del commercio del legname, e i due figli maggiori – Hugh ed Edward – lavorano nella ditta di famiglia; Rupert, invece, è un artista che per sbarcare il lunario insegna in una scuola, senza grandi soddisfazioni e percependo uno stipendio alquando magro. Rachel, l’ultimogenita, vive a Home Place e si occupa dei genitori.

Hugh è sposato con una donna che ama tantissimo, Sybil, dalla quale ha avuto tre figli. Edward è sposato con Villy, ma non riesce a stare lontano dalle donne, sulle quali esercita un discreto fascino; la coppia ha tre figli. Rupert ha due figli ma è già vedovo e in seconde nozze ha sposato una donna troppo giovane, troppo bella e, almeno all’apparenza, troppo frivola: Zoë.

La leggerezza a cui fa riferimento il titolo dell’opera si percepisce molto bene. Le atmosfere sono quasi sempre calme e rilassate, nonostante qualche attrito fra i famigliari, ma in generale la vita dei Cazalet scorre con tranquillità durante l’estate del 1937: Home Place è a soli 15 chilometri dal mare, per cui spesso gli adulti portano i figli e i nipotini al mare; la Duchessa assieme alla cuoca Mrs Cripps studia i menù settimanali; il Generale continua a lavorare in azienda; le cugine Louise e Polly cercano di tenere fuori la cugina Clary dai loro affari; i cugini Simon e Teddy fanno comunella, scacciando via i Cazalet più piccini, Lydia e Neville.

“Il mare”, Sally Swatland (Washington 1946)

L’estate del 1937 verrà ricordata da tutti loro, negli anni a venire, come una delle ultime estati spensierate prima dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale, perché già in quella successiva il timore di un nuovo conflitto si farà più concreto.

“Credo stia per scoppiare un’altra guerra”. Hugh non lo stava guardando, e parlava nel modo pacato e casuale che usava per le cose serie.
“Gesù! E che cosa te lo fa pensare?”.
“Be’, guarda cosa sta succedendo! I tedeschi hanno occupato l’Austria. Hitler se ne va in giro a parlare del potere e della superiorità del Terzo Reich (…)”.
“Stammi a sentire, vecchio mio. So che sei davvero preoccupato ma vedrai che i crucchi non si metteranno contro di noi. Non dopo l’ultima volta (…)”. [Gli anni della leggerezza, E. J. Howard, trad. M. Francescon]

Il romanzo “Gli anni della leggerezza” di E. J. Howard (tradotto da Manuela Francescon, Fazi editore, 604 pagine, 18.50 €) è suddiviso in due parti che descrivono le due estati prima che Hitler invada la Polonia. Se nell’estate del 1937 l’idea del conflitto resta sullo sfondo – la politica internazionale non tocca più di tanto le vite dei Cazalet – nel corso dell’estate del 1938 si percepisce in modo diverso la paura per una guerra imminente, in modo particolare lo sente la piccola Polly, la figlia di Hugh, perché teme che l’amato padre venga richiamato in guerra e che, questa volta, non torni più.

I rapporti tra i membri della famiglia nel corso di un anno cambiano molto: si stringono nuove allenze tra cugini, le amicizie si sgretolano e se ne costruiscono di nuove, gli adulti incominciano a pensare seriamente alla guerra e il Generale si organizza in modo da resistere ad un eventuale attacco aereo sull’Inghilterra da parte dei crucchi. Acquista la proprietà di Mill Farm e accoglie anche Jessica, la sorella di Villy, con i suoi quattro figli.

La scrittura di Elizabeth Jane Howard è molto raffinata e scorrevole: le descrizioni sono curate, nessun dettaglio è lasciato al caso; vengono descritti gli abiti dell’epoca, gli arredi, il colore dei fiori del giardino della Duchessa. Ma quello che più mi ha incantata è stata la notevole caratterizzazione psicologica dei personaggi: la Howard mette a nudo ogni personaggio, dal più importante quale il Generale all’ultimo dei domestici, l’adorabile e pasticcione Billy, l’aiuto giardiniere.

“Senza titolo”, Vicente Romero (Madrid 1956)

Nonostante la mole, “Gli anni della leggerezzaè un romanzo scorrevole e la cosa incredibile è proprio questa: il fatto che la Howard sia riuscita a scrivere un libro così coinvolgente dove, tutto sommato, a parte qualche piccolo colpo di scena, viene messa in scena la semplice quotidianità di una benestante famiglia inglese degli anni Trenta.

Leggendo ho avuto la sensazione di essere una spettatrice privilegiata: sono stata ospite silenziosa a Londra, Mill Farm e Home Place per osservare i Cazalet. Riga dopo riga, ho seguito dialoghi e pensieri dei personaggi, svelato i loro timori e le loro paure, ho scoperto i loro difetti e mi sono ritrovata, nel corso della storia, a rivalutare un personaggio o a restare delusa da un altro.

Gli anni della leggerezza” è una bella lettura, il romanzo perfetto per chi ama leggere.

Titolo: Gli anni della leggerezza
L’Autrice: Elizabeth Jane Howard
Traduzione dall’inglese: Manuela Francescon
Editore: Fazi
Perché leggerlo: perché “Gli anni della leggerezza” è un romanzo coinvolgente, stimolante e interessante. Il romanzo perfetto per chi ama leggere.

Annunci

Maria Edgeworth | Il Castello Rackrent

Così la casa era nuda, e il mio giovane padrone, nel momento in cui entrò, scendendo dal suo calessino, pensò che tutte quelle cose dovessero venire da sole, credo, perché non si pose mai il problema, ma in modo irresponsabile le pretese tutte da noi, come se fossimo dei prestigiatori, o se si trovasse in una locanda. Per parte mia, non mi scomposi affatto; ero così abituato ai miei ultimi padroni che mi sentivo tutto sottosopra, e i nuovi servi nella stanza della servitù erano fuori dal mio controllo; non avevo nessuno con cui parlare, e se non fosse stato per la mia pipa e il mio tabacco credo proprio che mi si sarebbe spezzato il cuore per il povero Sir Muragh [Il Castello Rackrent, Maria Edgewoth, trad. P. Meneghelli]

Thady Quirk è l’anziano domestico che ha sempre vissuto e lavorato al Castello Rackrent. Nel corso degli anni, Thady ha servito una serie di padroni diversi, i quali si sono susseguiti come proprietari della tenuta. Il vecchio servo, voce narrante della storia, riassume sotto forma di cronaca l’ascesa e la caduta di alcuni dei suoi nobili padroni.

Come Sir Patrick, inguaribile amante della mondanità che muore d’infarto durante una delle sue gloriose feste organizzate proprio al Castello Rackrent; come Sir Murtagh, che s’impunta sul fatto di non voler pagare i debiti lasciati da Sir Patrick; o come Sir Kit, viziato dal giuoco d’azzardo, il quale per pagare i conti si trova costretto a vendere la tenuta. Infine, l’arrivo dell’ultimo padrone, Sir Condy, e della sua giovane e capricciosa moglie.

L’uno dopo l’altro, Thady Quick vede i suoi nobili padroni arrivare e andar via: dal Castello Rackrent c’è chi va via morto e chi povero con la coda tra le gambe. L’ironia tagliente che Thady sfodera riportando le vicende personali dei padroni fa capire che l’avere tanti soldi non mette al riparo le persone dalle disgrazie.

E per quanto concerne tutto quello che ho buttato giù dai ricordi e dal sentito dire della famiglia, è tutto vero, dall’inizio alla fine, e ci potete credere, perché per quale motivo dovrei dire bugie sulle cose che tutti conoscono come le conosco io? [Il Castello Rackrent, Maria Edgewoth, trad. P. Meneghelli]

Primavera a Windsor (Photo by JJ Jordan on Unsplash)

Prima di leggere “Il Castello Rackrent” non conoscevo la figura di Maria Edgeworth; benché la Edgeworth fu circa contemporanea delle famose sorelle Brontë e della celebre Jane Austen, non l’avevo mai sentita nominare, neppure al volo durante le lezioni di letteratura inglese del liceo. La Edgewoth scrisse una decina di romanzi (non tutti sono stati tradotti in italiano) e fu politicamente molto attiva, schierandosi per la causa irlandese benché fosse nata in Inghilterra, nell’Oxfordshire. In modo particolare, s’impegnò per aiutare i contadini durante la Grande Carestia irlandese di metà Ottocento.

Il Castello Rackrent” di Maria Edgeworth (trad. Pietro Meneghelli, Fazi editore, 113 pagine, 15 €) è un romanzo scritto alla fine del Settecento e pubblicato nel 1800, per cui ha tutto il sapore, il peso e lo spessore di un libro classico. Si tratta di una lunga cronaca, narrata talvolta in modo scorrevole e talvolta più arzigogolata, raccontata in prima persona dal vecchio Thady Quirk, dove a volte viene usato il tempo presente e a volte il passato remoto, quasi a non voler rimarcare che il tempo è trascorso e i padroni si sono succeduti o forse perché Thady non è poi così istruito.

Il susseguirsi dei nobili al Castello Rackrent, con le loro fortune e disgrazie, può anche essere letto come lo specchio della società dell’epoca e di quella di oggi: continuamente salgono al potere certi personaggi, vengono acclamati dal popolo, poi combinano un disastro o deludono l’elettorato, quindi vengono cacciati e cadono in disgrazia.

Oppure, “Il Castello Rackrent” può essere letto per quello che effettivamente è: la cronaca di una serie di nobili raccontata da un servo poco istruito ma capace di leggere e sondare il cuore dell’essere umano.

Titolo: Il Castello Rackrent
L’Autrice: Maria Edgeworth
Traduzione dall’inglese: Pietro Meneghelli
Editore: Fazi
Perché leggerlo: perché si tratta di un romanzo classico dal sapore ottocentesco, perché si può leggere una cronaca nobiliare oppure ritrovare la nostra società, con i suoi difetti e i suoi pregi

(© Riproduzione riservata)

Sarah Perry | Il serpente dell’Essex

STRANE NOTIZIE, dicevano, un serprente mostruoso con occhi grandi come una pecora è emerso dalle acque dell’Essex ed è risalito fino ai boschi di betulle e ai parchi dei villaggi! (…) Era l’epoca del serprente, fosse esso fatto di squame e tendini, o di legno e tela, o fosse solo il frutto delle farneticazioni di qualche folle; i bambini venivano tenuti lontani dalle sponde del fiume, e i pescatori si rammaricavano di non avere attività migliore! Poi scomparve, così com’era arrivato, e per quasi due secoli non se ne seppe più niente, fino al terremoto, quando qualcosa sott’acqua venne liberato! [Sarah Perry, Il serpente dell’Essex, traduzione Chiara Brovelli]

Dopo aver seppellito il marito, Cora Seaborne decide di lasciare Londra e di trasferirsi per qualche tempo nell’Essex, una regione a sud-est dalla capitale inglese. Assieme a Francis, il figlio autistico, e alla fedele cameriera Martha, Cora prende dimora a Colchester, un luogo dove stanno venendo alla luce molti fossili lungo la costa.

Appassionata da sempre di scienze naturali e seguace delle teorie dei naturalisti Darwin e Lyell, Cora Seaborne rimane entusiasta della storia del serpente dell’Essex: pare che un terremoto abbia risvegliato un temibile mostro che ora infesta le acque dell’estuario del Blackwater, a sud-ovest di Colchester.

Cora non si lascia scappare l’opportunità di indagare a proposito del serpente: la donna spera che si tratti di un ittiosauro come quello trovato dalla paleontologa Mary Anning, confermando la teoria che vuole che non tutti i rettili preistorici si siano estinti. Inseguendo le tracce del mostro, Cora si sposta ad Aldwinter, sonnolenta cittadina sull’estuario del Blackwater dove si sono registrate diverse misteriose morti, incontra il reverendo William Ransome, forte oppositore della presenza del mostro.

Nel frattempo, il piccolo Francis vaga da solo per le paludi, alla ricerca di piccoli tesori da raccogliere; Martha conosce prima Spencer e poi Edward, i quali le spiegano la drammatica situazione di scioperi e assegnazione di case popolari a Londra; Stella Ransome, la moglie del reverendo, scopre di avere una malattia grave; il dottor Luke Garrett, brillante stella della chirurgia londinese, subisce un incidente che modificherà pesantemente la sua carriera. E intanto, mentre Cora e William discutono e prendono posizioni opposte, nelle paludi continuano ad accadere cose strane.

Eppure le cose non vanno come dovrebbero. La casa alla Fine del Mondo sta affondando nella palude, e nel focolare vuoto crescono i funghi. Il molo è tranquillo: meglio rischiare un inverno di magra che veleggiare su acque contaminate. Giungono voci da Point Clear e da St Osyth, da Wivenhoe e Brightlingsea: la bestia che vive nel Blackwater è stata avvistata da un pescatore al cambio della marea, una sera, e dopo quell’episodio il poveretto è uscito di senno (…) [Sarah Perry, Il serpente dell’Essex, traduzione Chiara Brovelli]

Chiaro di luna, John Atkinson Grimshaw (fonte: Wikipedia)

Il serpente dell’Essex” di Sarah Perry (trad. C. Brovelli, Neri Pozza, 458 pagine, 18 €) è un libro che purtroppo mi ha delusa e annoiata in misura eguale, ora proverò a spiegare il motivo di questi sentimenti negativi nei confronti del romanzo.

Spesso dò molto peso a trama, copertina e ambientazione. Un mostro che emerge dalle acque paludose e semina panico e paura in una sonnolenta cittadina posta alla foce dell’estuario del Blackwater; una copertina spettacolare che ricalca quella orginale dell’edizione inglese; l’ambientazione nella campagna dell’Essex, cupa anche in estate. Ecco, questi sono i fattori che mi hanno convinta a precipitarmi ad acquistare il romanzo e ad iniziarlo quasi immediatamente.

Il romanzo di Sarah Perry è suddiviso in quattro parti e la vicenda si svolge in un arco temporale che va da gennaio a novembre: “La notte di San Silvestro” (tra gennaio e marzo), “Quanto è in suo potere” (aprile e maggio), “Vegliate in ogni momento” (giugno e agosto) e “I momenti finali della ribellione” (settembre e novembre). La prima parte è decisamente intrigante e avvincente: l’Autrice introduce velatamente la storia del serpente dell’Essex risvegliato probabilmente dal terremoto occorso qualche tempo prima; vengono introdotti i personaggi chiave, Cora e William, e i personaggi secondari. Queste pagine instillano vera curiosità nel lettore che vuole sapere cosa o chi sia questo essere che infesta le paludi e provoca misteriose morti.

Peccato, però, che le altre tre parti siano più scialbe e poco interessanti rispetto alla prima: il ritmo rallenta, scorrono pagine e pagine in cui non succede nulla o quasi e la lettura diventa difficoltosa. L’Autrice si focalizza sui personaggi secondari sviluppando (troppe) trame secondarie, generando così confusione e distogliendo l’attenzione dal mostro delle paludi dell’Essex che quasi viene messo da parte; viene citato ogni tanto, giusto per non dimenticare che la sua presenza aleggia ancora. Ma a parte brevi apparizioni e qualche fattaccio strano, non succede comunque nulla e il mistero fatica a risolversi.

Pur avendomi annoiata, due punti positivi il romanzo li ha: le descrizioni dell’Essex e di Londra vissute attraverso le stagioni che vanno dall’inverno all’autunno e la caratterizzazione dei due personaggi protagonisti, Cora e William.

Cora è una donna che disubberisce alle consuetudini dell’epoca, oltre a vestire quasi da uomo e andare alla ricerca di fossili, non crede in Dio né lo teme e si sente votata alla scienza di Darwin e Lyell. William è un pastore di anime, per cui ha una visione opposta a quella di Cora, e spesso si ritrova a discutere con lei e il confine tra l’odio e l’amore verso questa donna sono decisamente labili.

Il serpente dell’Essex” non ha quindi soddisfatto le mie aspettative: potrebbe essere un ritratto della società inglese di fine Ottocento, ma l’essere che vive nelle paludi dell’Essex non è il vero protagonista e forse, proprio perché io mi aspettavo una sua presenza più massiccia e invadente, sono rimasta molto delusa.

Titolo: Il serpente dell’Essex
L’Autrice: Sarah Perry
Traduzione dall’inglese: Chiara Brovelli
Editore: Neri Pozza
Perché leggerlo: per avere un bel ritratto della società inglese di fine Ottocento, per chi è interessato al dibattito scienza e fede, per chi vuole immergersi nell’uggiosa e tetra campagna inglese

(© Riproduzione riservata)

AA. VV. | Sul mare. Racconti di sole e di vento

Abito distante dal mare e ogni volta che lo raggiungo sono sempre emozionata. Quando devo andare via mi sento molto nostalgica perché non ho mai idea di quando lo rivedrò. Ogni secondo passato al mare per me è prezioso: mi siedo sul bagnasciuga, ammiro le onde, inalo salsedine, attendo il tramonto. “Sul mare. Racconti di sole e di vento” (AA. VV., 177 pagine, 14 €) è una bella raccolta di vari autori, italiani e stranieri, che ha come soggetto principale il mare e i personaggi che hanno la fortuna di poterlo vivere.

20160703_083251

Titolo: Sul mare. Racconti di sole e di vento

Autrici e Autori: H. Lawrence, Grazia Deledda, L. Capuana, F.Tozzi, K. Mansfield, L. Pirandello, G. D’Annunzio, J. M. Machado de Assis, G. Arpino, C. Salvago Raggi

Traduzioni: dal portoghese Giuliana Segre Giorgis (Machado de Assis), dall’inglese Sergio Daneluzzi (H. D. Lawrence) e Franca Genta Bonelli (K. Mansfield)

Editore: Lindau edizioni

Il mio consiglio: “Sul mare. Racconti di sole e di vento” è una bella e suggestiva raccolta di racconti che include classici contemporanei; consigliato a chi ama il mare in ogni sua forma, anche quando è burrascoso, a chi vuole sognare ad occhi aperti i ricordi che ha vissuto e custodisce con gelosia

Aveva smesso di lavorare al suo libro. L’interesse era svanito. Gli piaceva sedersi sulla bassa sommità dell’isola e vedere il mare; null’altro che il mare, pallido e quieto. E sentire la propria mente farsi sofficie e caliginosa, come la foschia sull’oceano. Talvolta vedeva sollevarsi come un miraggio in direzione nord la sagoma lontana della grande isola. Ma era del tutto priva di consistenza. [dal racconto: L’uomo che amava le isole, H. D. Lawrence]

Ho scelto di iniziare la recensione della raccolta con la citazione di uno dei racconti che più mi è piaciuto. “L’uomo che amava le isole” di H. D. Lawrence è un racconto terribilmente romantico, con un incipit che affascina e trascina, proprio come un’onda durante una giornata di vento. Le isole sono lembi di terra per la quale ho una grande passione e leggendo il racconto di quest’uomo che le ama così tanto a tratti mi ci sono ritrovata. Sarebbe bello possedere un’isola, piccolina, un pezzo di terra accarezzato dal mare, un luogo sicuro, un rifugio dove il grande blu la circonda con un abbraccio.

Leggendo, ci si accorge come il mare sia sfondo e protagonista, sempre descritto con grande sensibilità e romanticismo, anche quando ulula sospinto dalla bonaccia oppure cerca di capovolgere una barchetta con due novelli sposi a bordo.

carra

Carlo Carrà, “Barcaiolo” (1939)

Gli autori e le autrici scelti per comporre il volume, sono soprattutto autori classici. Confesso che quando ho letto il nome di Gabriele D’Annunzio tra gli autori ho sospirato: l’autore abruzzese non mi è mai stato simpatico, ma dopo aver superato l’iniziale diffidenza, mi ha regalato parole come queste:

Ma l’odore del mare li ubriacava quei due. A volte stavano a guardarsi dentro gli occhi lungamente, come ammaliati, lei seduta su l’orlo della barca, lui disteso su le tavole del fondo a’ suoi piedi; mentre il flutto li cullava e cantava per loro, il flutto verde come un immenso prato a maggio mosso dal vento [dal racconto: Dalfino, G. D’Annunzio]

Oltre al racconto di Lawrence, ho apprezzato moltissimo i racconti di Grazia Deledda, magnetici e scorrevoli. Originalissimo e divertente, con finale più che a sorpresa, “Le lumache di mare” di G. Arpino; molto sudamericano e immancabile dove si parli di mare, “La notte dell’ammiraglio” del brasiliano Machado de Assis. Particolare e fortemente nostalgico “Incontro a Bordighera” della genovese C. Salvago Raggi.

Il mio preferito è  certamente “Alla baia” di Katherine Masfield: un caleidoscopio di personaggi più o meno bizzarri, alcuni freddi e senza cuore, nonne che lavorano a maglia in spiaggia e bambini che adorano l’acqua.  Un po’ mi ha ricordato le suggestione di “Gita al faro” di Virginia Woolf, questa attesa che prosegue, che non finisce mai, il sentirsi costantemente alla ricerca di qualcosa o di qualche evento che smuova l’esistenza, come quando si getta un sasso in acqua.

olano

Ignacio Olano, Figlia al porto (c 1932)

Sul mare. Racconti di sole e di ventoè una bella raccolta ideale da leggere in estate, ma forse è soprattutto un balsamo per l’inverno, quando avrete quella strana nostalgia del mare, delle onde, dei bagni mattutini e dei tramonti rosa.

William Shakespeare | La Tempesta

Per il terzo appuntamento del progetto “La Compagnia di Shakespeare” ho deciso di leggere l’opera intitolata “La Tempesta“, l’ultimo capolavoro del Bardo dell’Avon, a detta di alcuni critici si tratta del più personale dei drammi shakespeariani.

Titolo: La Tempesta

L’Autore: “Tutto ciò che con certezza sappiamo di Shakespeare è che nacque a Stratford sull’Avon, vi si sposò, vi ebbe dei figli, andò a Londra dove fece l’attore e scrisse opere di poesia e di teatro, tornò a Stratford sull’Avon, vi fece testamento, vi morì e vi fu seppellito” citazione di George Steevens

Traduzione: Agostino Lombardo

Editore: Garzanti

Ambientazione: un’isola disabitata di fronte al Golfo di Napoli

Il mio voto: 4/5

Prospero: E’ tempo invece che io ti dica di più. La tua mano mi aiuti a deporre questo mantello di magia. Così. Là, mia Arte, riposa. E tu asciuga gli occhi: sii serena. Lo spettacolo orrendo del naufragio che in te ha toccato l’essenza della pietà l’ho concertato io con tale sapienza e misura dell’Arte che non c’è un’anima… No, nemmeno un capello fu strappato a coloro che tu udisti, dalla nave, gridare, a coloro che tu vedesti affondare. Siedi: ora devi sapere di più. [La Tempesta, Scena Seconda, Atto Primo]

'The Tempest' by William Shakespeare

“La Tempesta”, William Hamilton (1790 c.a.)

La vicenda inizia con la tempesta in mare che dà il titolo all’opera. Prospero è il mago e scienziato che con i suoi poteri ha scatenato la tempesta contro l’imbarcazione dove stanno viaggiando Antonio l’illegittimo Duca di Milano, Alonso il Re di Napoli, Sebastiano il fratello del Re, Ferdinando il Principe di Napoli e alcuni consiglieri.

Prospero sapeva che su quell’imbarcazione ci sarebbe stato anche il fratello Antonio, Duca illegittimo, perché la nave faceva ritorno da Cartagine, dove si erano celebrate le nozze tra la figlia del Re di Napoli e un re cartaginese. Prospero riesce, grazie ai suoi poteri, a separare tutti i superstiti del naufragio, di modo che Alonso creda che suo figlio Ferdinando sia morto.

Ma perché scatenare una tempesta contro quella nave? Prospero ha atteso per anni il momento della sua vendetta, perché Prospero è il legittimo Duca di Milano, spodestato da suo fratello Antonio. Dopo essere stato allontanato da Milano, Prospero e la figlia Miranda, allora piccina, giunsero su di una piccola isola nel Golfo di Napoli, dove vissero per molto tempo assieme ad Ariel – lo spirito dell’aria – e Caliban – uno schiavo deforme.

Miranda assiste alla tempesta e preoccupata crede che l’imbarcazione si sia rovesciata e l’equipaggio sia stato inghiottito dalle onde. Ma il padre la rassicura: nessuno è morto, poiché la tempesta l’ha scatenata lui, per vendicarsi. Racconta allora alla figlia la storia della loro rocambolesca partenza da Milano, della quale Miranda conserva pochi ricordi slavati.

Miranda_-_The_Tempest_JWW

“Miranda La Tempesta” di John William Waterhouse (1916)

Tra i piani di Prospero, oltre alla vendetta, c’è il matrimonio tra sua figlia Miranda e Ferdinando, il Principe di Napoli, e fa sì grazie alla sua magia, che Miranda lo incontri e se innamori perdutamente.

Ferdinando: Tu sei certo la dea che queste note accompagnano. Ti prego, dimmi se quest’isola è la tua dimora e insegnami come posso viverci anch’io. Ma la mia prima e ultima domanda, è: O meraviglia, sei tu una fanciulla, no?

Miranda: Meraviglia no, signore, fanciulla sì certamente.

[Scena Seconda, Atto Primo]

Ma Prospero non sa che il deforme Caliban ha in mente qualcosa di losco dopo aver conosciuto Triculo e Stefano, due individui della ciurma poco raccomandabili, e vuole ribellarsi al padrone; anche lo spirito Ariel chiede a gran voce la libertà, ma Prospero ha ancora dei compiti da fargli svolgere.

Saranno Miranda e Ferdinando ad aiutare Prospero a riconciliarsi con il fratello Antonio, grazie al loro amore e alla loro voglia di stare insieme. Prospero riuncia così alla magia per stare tranquillo, senza più volersi vendicare contro il fratello, ora che sua figlia Miranda ha trovato l’amore nel Principe di Napoli.

(c) Walker Art Gallery; Supplied by The Public Catalogue Foundation

“Prospero e Miranda” di Frederick Richard Pickersgill (1860 c.a.)

Nel famoso monologo nel quale Prospero riuncia alla magia per essere un uomo pronto ad affrontare il suo destino mortale, alcuni studiosi del Bardo dell’Avon hanno visto il riferimento a Shakespeare stesso, il quale con questa ultima opera lascia il teatro per tornare nel suo paese di provincia.

Prospero: Figlio mio hai l’aria stravolta, sembri spaventato. Sii sereno. Il nostro spettacolo è finito. Questi nostri attori, come ti avevo detto, erano tutti spiriti e si sono dissolti nell’aria. Nell’aria sottile. E, come edificio senza fondamenta di questa visione, le torri ricoperte dalle nubi, i palazzi sontuosi, i templi solenni, questo stesso vasto globo, sì, e quello che contiene, tutto si dissolverà. Come la scena priva di sostanza ora svanita tutto svanirà senza lasciare traccia. Noi siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni e la nostra piccola vita è circondata da un sonno [Scena Prima, Atto Quarto]

Virginia Woolf | Una stanza tutta per sé

Il 2 giugno 1946 per gli italiani fu un momento molto importante: furono chiamati alle urne per un Referendum dove venne loro chiesto se volevano continuare ad avere una Monarchia oppure se volevano passare ad una Repubblica. Oltre al valore storico della scelta della Repubblica, fu una data importante perché le donne italiane votarono per la prima volta; sì, perché prima del 1946 alle donne italiane non era concesso diritto di voto.

Perché sono partita dalla storia del nostro Belpaese per parlare di un saggio di Virginia Woolf? Perché in questo saggio che ho appena terminato di leggere si parla soprattutto di donne e diritti, donne e scrittura. E ogni volta che penso ai diritti delle donne – ancora oggi negati in molti (troppi!) Paesi del mondo – non può che venirmi in mente che è vergognoso che noi italiane abbiamo votato per la prima volta poco più di sessant’anni fa.

Titolo: Una stanza tutta per sé

L’autrice: Virginia Woolf nacque a Londra nel 1882. Cresciuta in un ambiente culturalmente stimolante, da adulta fu a capo del circolo culturale Bloomsbury. Con il marito fondò una casa editrice – Hogarth Press – e divenne uno dei nomi più noti della narrativa inglese dell’epoca. Morì suicida nel 1941

Traduzione: Maura Del Serra

Editore: Newton & Compton Editori

Il mio voto: 4/5

Le stanze sono così diverse; sono tranquille o tempestose; aperte sul mare, o al contrario sul cortile di un carcere; c’è il bucato steso, oppure splendono di opali e sete; sono dure come il crine o soffici come le piume… basta entrare in una stanza qualunque di una qualunque strada perché ci salti agli occhi quella forza estremamente complessa della femminilità. [Una stanza tutta per sé, citazione pagina 97]

Simon, Vilma legge sul sofa

“Vilma legge sul sofà” (1912) Tavik František Šimon

Nel breve saggio “Una stanza tutta per sé” Virginia Woolf è chiamata a parlare della condizione della donne nel corso del tempo attraverso la scrittura. Ripercorrendo gli anni della pubblicazione dei primi romanzi, si osserva come la maggioranza delle opere fosse firmata da nomi maschili.

Come mai questo divario? Storicamente, si sa, alle donne erano concesse be poche libertà: una su tutte, ovviamente, la libertà di studio. Far studiare una bambina o una ragazza era tempo perso, soldi sprecati. La donna aveva pochi compiti precisi nelle società del passato: partorire nidiate di bambini, allevarli, rigovernare la casa e poi morire in santa pace. Pochissime donne nel Quattrocento e Cinquecento imparavano a leggere, era loro interdetta l’iscrizione alle università, e molti lavori non potevano svolgerli.

Ma qualche donna sfuggiva a questi “doveri-obblighi” e si metteva a studiare, a leggere e addirittura – scandalosamente – a scrivere. Molte scrittrici inglesi (ma non solo!) inizialmente pubblicarono i loro romanzi con degli pseudonimi maschili; la Woolf cita ad esempio le sorelle Bronte, che pubblicarono con i nomi di Currier, Acton ed Ellis Bell. Oppure, la nota George Elliot, al secolo Marion Evans, che ancora oggi viene riproposta dagli editori moderni con il nome maschile.

Ma il vero problema delle donne, per la Woolf, erano i soldi e l’avere una stanza tutta per sé. Con i soldi propri si guadagna l’indipendenza, non solo economica, e con l’avere una stanza tutta per sé… si guadagna la tranquillità per scrivere, leggere, dedicarsi a sé stesse. La Woolf ci ricorda che la nota scrittrice Jane Austen scriveva in un salotto comune: come riusciva a concentrarsi se era costantemente interrotta da ospiti, pranzi, tè e chiasso?

Auguste Renoir "La lettura"

Auguste Renoir “La lettura” (1890)

I libri scritti dagli uomini non sono uguali a quelli scritti dalle donne, perché le visioni del mondo dei sessi opposti sono chiaramente diversi, come sono diverse le sensibilità. Quindi donne che scrivono storie di altre donne saranno diametralmente diverse da uomini che scrivono storie di donne.

Anche se oggi in molte parti del mondo le donne sono ancora prive di istruzione o a malapena sanno leggere e scrivere, nel mondo Occidentale si verifica una sorta di “legge del contrappasso”: i lettori sono in maggior parte donne!

Infatti, il 48% dei lettori sono di sesso femminile, contro i 34,5% degli appartenenti al sesso maschile, e questo divario tra i due sessi inizia addirittura a partire dai 6 anni di età (fonte: dati ISTAT 2014 “La produzione e lettura di libri in Italia”).

Quando in futuro leggerai un romanzo classico scritto da una donna, pensa a tutte le difficoltà e i pregiudizi che essa ha dovuto superare perché venisse pubblicata la sua opera e potesse essere oggi letta da te, tu che leggi comodamente distesa sul divano nella tua stanza tutta per te.

William Shakespeare | Sogno di una notte di mezz’estate

Commedia in cinque atti, “Sogno di una notte di mezz’estate” è una delle più note e rappresentate del Bardo dell’Avon, William Shakespeare. In scena questa volta ci vanno i sentimenti e, per sorridere un po’, anche qualche equivoco a causa del maldestro e birbante folletto Puck. “Sogno di una notte di mezz’estate” è una commedia molto breve e sorrevole, con alcuni passaggi decisamente poetici densi di lirismo.

Titolo: Sogno di una notte di mezz’estate

L’autore: William Shakespeare (1564 – 1616) è tra i più celebri autori teatrale di tutti i tempi, è stato drammaturgo e poeta inglese. Soprannominato il Bardo dell’Avon, delle sue opere sono giunte a noi 37 testi teatrali, 154 sonetti e altri poemi.  Le sue opere teatrali sono state tradotte in tutte le maggiori lingue del mondo e sono state inscenate più spesso di qualsiasi altra opera; inoltre è lo scrittore maggiormente citato nella storia della letteratura inglese e molte delle sue espressioni linguistiche sono entrate nella parlata quotidiana.

Traduzione: Gabriele Baldini

Ambientazione: Atene e un bosco nelle vicinanze

Il mio voto: 4/5

Gli innamorati, come i pazzi, hanno il cervello sempre in ebollizione e la fantasia così presta a immaginar forme che queste si danno a concepire assai più di quel che la fredda ragione sarebbe mai disposta ad accettare. Il dissennato, l’amante e il poeta non sono composti nient’altro che fantasia. [Sogno di una notte di mezz’estate, Atto quinto, scena prima]

Heinrich_Fussli_Sogno_di_una_notte_di_mezza_estate2

“Sogno di una notte di mezz’estate” Heirich Fussli (1790)

Da Ovidio ad Apuleio, chi ha ispirato il Bardo dell’Avon?

Questa volta Shakespeare trova ispirazione nella letteratura classica, in particolare mescola nella commedia i contenuti delle Metamorfosi di Ovidio e L’asino d’oro di Apuleio; dalla prima, trae spunto per tessere la storia di Piramo e Tisbe, mentre dalla seconda scrive la trasformazione di Bottom in un asino ad opera del dispettoso Puck.

A Midsummer Night’s Dream: sogno o son sveglio?

Nella breve commedia vediamo tre storie intrecciate e collegate tra loro, sullo sfondo delle celebrazioni del matrimonio tra Teseo, duca di Atene, e Ippolita la regina delle Amazzoni. Oltre a loro vi sono Lisandro e Demetrio, due giovani ateniesi innamorati della stessa ragazza, Ermia, la quale però ama Lisandro mentre il padre di lei vorrebbe un matrimonio combinato con Demetrio. A complicare il tutto, c’è Elena, l’amica di Ermia, che è innamorata di Demetrio, ma non corrisposta.

Oberon, il re degli elfi, con la moglie Titania, la regina delle fate, sono la terza coppia di protagonisti. Oberon vorrebbe il servo di Titania per farne suo paggio, ma la moglie non acconsente, per cui Oberon assolta Puck per punire la moglie della disobbedienza; Puck deve versare sugli occhi di Titania il succo del fiore vermiglio di Cupido, una pozione magica che fa innamorare della prima persona che si incontra al risveglio.

16ksx0i
Oberon ordina a Puck, il pasticcione, di versare la pozione magica anche sugli occhi di Demetrio, affinché si innamori di Elena; ma Puck sbaglia ragazzo e versa il succo sugli occhi di Lisandro, che al risveglio vede Elena e se ne innamora perdutamente, spezzando il cuore ad Ermia, la quale era già intenzionata a sposarlo contravvenendo all’ordine del padre.

Nel frattempo, in questa serie di equivoci, una compagnia di teatranti giunge alla corte di Teseo, duca di Atene, per organizzare una rappresentazione teatrale per festeggiare le nozze. Ma tutto succede, in quella notte magica, infatti Titania addormentata con la pozione magica sugli occhi, anziché risvegliarsi e vedere Oberon e innamorarsi di nuovo di lui, vede un teatrante, Bottom, trasformato per scherzo dall’elfo dispettoso in un asino!

Oramai i danni son fatti, ma qualcuno deve correre ai ripari… riuscirà Oberon ad ordinare a Puck di mettere tutto a posto, per giungere infine al lieto finale prima delle nozze tra Teseo e Ippolita?

L’amore, i sentimenti e il lieto fine

La commedia di conclude con l’agognato lieto fine e con la risoluzione degli equivoci creati dai dispetti di Puck. Come anche in “Amleto”, qui compare di nuovo una compagnia di teatranti, questa volta decisi a divertire la corte durante il matrimonio.

La bravura del Bardo sta nel mescolare tutti questi personaggi e questi eventi in una commedia di per sé molto breve, creando un’opera ricca di sentimento ed emozioni, senza tralasciare i colpi di scena; indagando il limite tra il sogno e la realtà, lasciando al lettore i dubbi se gli eventi siano successi in veglia o durante un lungo sonno.

E lungo la strada ci racconteremo l’un l’altro i nostri sogno [Sogno di una notte di mezz’estate, Atto quarto, Scena prima]

 

William Shakespeare | Amleto

Per molte persone, anche per chi non ha mai letto quest’opera di Shakespeare, Amleto è l’uomo del celebre monologo “essere o non essere, questo è il problema”, frase che un po’ come l’incipit della Divina Commedia o de I promessi sposi di Manzoni, tutti conoscono. Per cui, inizierò il mio articolo di commento alla tragedia proprio citando il famoso monologo di Amleto.

Essere o non essere: questo è il problema. Se sia più nobile soffrire nell’animo i colpi e le frecce della fortuna oltraggiosa o impugnare le armi contro un mare di guai e affrontandoli porre fine ad essi. Morire… Dormire… nient’altro. E con un sonno porre fine agli strazi del cuore e alle mille naturali battaglie che eredita la carne. E’ una fine da desiderarsi devotamente. Morire, dormire; dormire, sognare forse. [Amleto, Atto terzo, Scena Prima.]

Titolo: Amleto

L’autore: William Shakespeare (1564 – 1616) è tra i più celebri autori teatrale di tutti i tempi, è stato drammaturgo e poeta inglese. Soprannominato il Bardo dell’Avon, delle sue opere sono giunte a noi 37 testi teatrali, 154 sonetti e altri poemi.  Le sue opere teatrali sono state tradotte in tutte le maggiori lingue del mondo e sono state inscenate più spesso di qualsiasi altra opera; inoltre è lo scrittore maggiormente citato nella storia della letteratura inglese e molte delle sue espressioni linguistiche sono entrate nella parlata quotidiana.

Traduzione: Paolo Bertinetti

Ambientazione: Castello di Elsinore, Danimarca

Il mio voto: 4/5

Eugène_Ferdinand_Victor_Delacroix_018

“Amleto e Orazio al cimitero” Eugène Delacroix (1839)

Le origini di Hamlet

L’ispirazione principale alla stesura della tragedia, affonda le radici in un antico racconto popolare scandinavo di Saxo Grammaticus, che narra di un principe danese, Hamlet, che scopre che lo zio Fengo ha ucciso suo padre Horwendil per rubargli il trono e sposare la madre. Hamlet dunque trama la vendetta, ma lo zio Fengo manda Hamlet in Inghilterra con delle lettere dirette al re con l’intenzione di uccidere il principe danese. Hamlet lo scopre, e ruba le lettere, modificandole. Torna in Danimarca e porta a compimento la sua vendetta, uccidendo lo zio Fengo. Tra ovazioni e feste, diventa poi re di Danimarca.

“C’è qualcosa di marcio nel Regno di Danimarca”

Shakespeare si ispira al racconto di Saxo Grammaticus, ma lo modifica soprattutto nel tragico finale. Il Bardo immagina che Amleto, il principe di Danimarca, riceva una visita dal fantasma del padre morto. Durante il colloquio privato tra il padre e Amleto, il principe scopre che la morte del padre non è stata accidentale come tutti credevano, ma è stata provocata da Claudio, il fratello stesso del re, lo zio di Amleto. Con del veleno introdotto nell’orecchio, Claudio ha ucciso il re, impossessandosi così del trono di Danimarca e sposando Gertrude, la madre di Amleto.

Amleto muta completamente visione delle cose, dopo la rivelazione del fantasma di suo padre. Giura vendetta e inizia a meditare in quale modo vendicarsi del gesto dello zio Claudio. Ma non solo trama vendetta, ne dubita anche, chiedendosi se sia lecito o meno impugnare le armi e uccidere chi ha ucciso. Amleto decide di ingaggiare una compagnia di teatranti, che inscenano un dramma simile all’omicidio del padre, sperando così che Claudio si riveli e si tradisca, mostrandosi turbato.

Claudio capisce subito della trappola, e cerca di tenderne una anche al nipote Amleto: lo invia in Inghilterra con due consiglieri e una lettera indirizzata al re britannico con l’ordine di uccidere il nipote; ma Amleto riesce a tornare in Danimarca, vivo, e lo zio Claudio allora attua un secondo piano di distruzione. Claudio usa il figlio di Polonio – suo consigliere, ucciso per errore dallo stesso Amleto. Claudio, facendo leva sulla rabbia di Laerte, figlio di Polonio, cerca di uccidere Amleto al ritorno dall’Inghilterra. Ma l’epilogo è un tragico susseguirsi di lutti, a partire dalla dolce e bellissima Ofelia, sorella di Laerte e innamorata di Amleto, annegata, si dice mentre coglieva dei fiori lungo la riva di un fiume, ma in realtà suicida per il dolore della morte del padre Polonio e l’abbandono del principe Amleto.

Ofelia e la follia di un amore tragico

Ofelia è il personaggio che ho apprezzato di più. Quasi per tutto lo svolgersi della tragedia non viene tenuta in considerazione e compare in pochissime scene, con poche battute. Ofelia si strugge d’amore per Amleto, però il padre Polonio la mette in guardia, dicendole che l’amore di Amleto non è sicero. Dopo la rivelazione del fantasma del padre, Amleto si finge pazzo e rifiuta la compagnia di Ofelia per non immischiarla nelle sue trame di vendetta. Ofelia non capisce questo rifiuto improvviso e, dopo la morte di Polonio, esce di senno anche lei e si dà alla morte in un corso d’acqua.

Il personaggio di Ofelia è stato ampiamente rappresentato e amato dai pittori Preraffaelliti, come molti altri personaggi delle tragedie e commedie di Shakespeare.

1024px-John_Everett_Millais_-_Ophelia_-_Google_Art_Project

“Ofelia” John Everett Millais (1852)

Conclusioni: perché Amleto siamo noi

Al di là della trama avvincente e del susseguirsi dei colpi di scena, Amleto è amato dal grande pubblico a più di quattrocento anni dalla prima rappresentazione, perché nel principe danese vediamo noi stessi con le nostre paure e i nostri dubbi. Amleto è mosso da un sentimento di vendetta verso Claudio, colui che l’ha privato del padre, ma inizialmente non riesce a decidersi ad attuare la sordida vendetta. Amleto riflette, pensa, si trova quasi nella condizione di poter uccidere Claudio, ma la sua mano esita e non cala la spada sulla testa dello zio.

Perché Amleto non è più l’uomo che si sente al centro dell’Universo, che si sente sicuro di sé come gli uomini del Rinascimento; Amleto appunto dubita di tutto e di se stesso, prende coscienza dei suoi limiti, e si interroga sulla possibilità di attuare o meno determinate azioni.

Amleto siamo noi, uomini moderni ma lacerati costantemente dai dubbi come gli uomini del passato: se sia giusto o meno compiere un’azione piuttosto che un’altra.

 

Mary Shelley | Frankenstein

Frankenstein è uno di quei romanzi che hanno dato non solo grandiosa fama alla propria autrice, ma hanno anche ispirato generazioni intere di registi, scrittori, artisti e spettatori; considerando che la prima bozza è del 1816 quando Mary Shelley aveva appena 19 anni è a dir poco sorprendente come un’opera abbia influito sull’immaginario comune per quasi duecento anni. Ecco il mio punto di vista.

Titolo: Frankenstein, o il moderno Prometeo

L’autrice: Mary Wollstonecraft Godwin (1787 -1851) , conosciuta poi come Mary Shelley dopo il matrimonio con il famoso poeta, è stata una scrittrice inglese. Già i genitori erano personaggi di spicco nell’ambiente intellettuale dell’epoca, ma a renderla immortale nel panorama letterario mondiale è stata la sua opera prima, Frankenstein. A seguire, pubblicò anche altri romanzi, tutti editi in Italia da Mondadori

Traduzione: Simona Fefé

Editore: Oscar Mondadori

Il mio voto: 5/5

Fu in una malinconica notte di novembre che vidi il compimento dei miei sforzi. Con un’ansia che quasi somigliava all’agonia, raccolsi intorno a me gli strumenti della vita per infondere una scintilla di esistenza nella cosa inanimata che giaceva ai miei piedi. Era già l’una del mattino; la pioggia batteva tristemente contro i vetri e la candela era quasi consumata, quando, nel tremolio della luce oramai debole, vidi aprirsi i vacui occhi gialli della creatura: respirava con difficoltà, e un fremito convulso gli agitava le membra. [cit. Frankenstein, pagina 69]

Courbet_Chillon

Gustave Courbet “Il castello di Chillon”. Il castello è situato sul Lago di Ginevra, in Svizzera, dove si svolge buona parte della vicenda narrata nel romanzo.

Fu nell’estate del 1816 che un gruppo di poeti e letterati trascorse del tempo in un maniero di proprietà di Lord Byron, noto poeta inglese di inizio Ottocento. Tra gli invitati, vi erano anche Percy Shelley e Mary Wollstonecraft Godwin, che allora non era ancora sua moglie, poiché Shelley era sposato. A causa del maltempo, i poeti e scrittori, isolati nella villa decisero di iniziare un gioco letterario: Lord Byron propose di scrivere una storia terrificante, un racconto d’orrore. Avrebbe vinto simbolicamente il più terrificante di tutti.

Così, Mary, chiusa nella sua stanza, ebbe l’idea di scrivere un racconto che avesse come protagonista un uomo deciso a sostituirsi a Dio e, forse galvanizzata dalle nuove teorie scientifiche dell’epoca, pensò che il suo scienziato avrebbe dato la vita ad un essere diverso dal genere umano. Il racconto vinse, tanto era terrificante, ma faceva anche riflettere, tanto era intenso. Due anni dopo, Mary Shelley pubblicò il romanzo Frankenstein in tre volumi, oggi raccolti tutti assieme nelle varie versioni tradotte in italiano.

Il romanzo segue uno schema simmetrico: si apre con le lettere di R. Walton, un esploratore polare che scrive tenere missive alla sorella Margaret; in una di queste lettere, descrive come il suo equipaggio abbia tratto in salvo un uomo che vagava per i ghiacci del Polo Nord accompagnato solo da una muta di cani. Il romanzo prosegue con il racconto dell’uomo salvato dai ghiacci, Victor Frankenstein, che febbrilmente e in modo appassionato, racconta a Walton la sua drammatica storia. Nella parte centrale del romanzo, a parlare in prima persona è l’essere che il dottor Frankenstein ha creato. A seguire, riprendere la narrazione in prima persona di Victor Frankenstein e si conclude con un paio di lettere di Walton alla sorella Margaret.

RothwellMaryShelley

Un ritratto di Mary Shelley, dipinto da Rothwell

Quando ho iniziato a leggere Frankenstein indicativamente sapevo a che cosa sarei andata incontro, poiché alle scuole medie la docente di francese ci aveva assegnato come lettura estiva una versione ridotta in francese del celebre romanzo. Ciò che non mi sarei aspettata, era di leggere un libro avvincente e appassionante, che avesse anche il potere di far riflettere intensamente.

La narrazione è scorrevole, gli avvenimenti si sussegueno in un crescendo di tensione che verrà sciolta solamente alla fine; tanto è intenso il romanzo il lettore è quasi febbrilmente costretto ad arrivare al termine della storia, perché la narrazione lo impone. Inoltre, ho apprezzato molto i toni con i quali viene raccontata la vicenda: i tre narratori – Walton, Victor Frankestein e il mostro – raccontano con vera passione la storia, tanto che il lettore viene letteralmente travolto dagli eventi infausti.

Victor Frankestein, dopo aver studiato scienze, decide di creare la vita dal nulla, quasi si volesse sostituire a Dio, o volesse ribellarsi agli Dei, come fece Prometeo. Riesce nell’intento e dà vita ad un essere immondo, orrendo, ripugnante. Immediatamente dopo aver infuso la scintilla di vita, il dottor Frankestein si pente e abbandona il mostro a se stesso. Continua a lavorare senza più pensare alla creatura, ma viene riportato alla cruda realtà quando il padre gli scrive della tragica morte del fratellino minore, William Frankestein. Allora Victor capisce che dietro la morte del piccolo non può esserci Justice, la loro governante, ma c’è qualcun altro. O qualcos’altro.

Quando Victor incontra di nuovo il mostro, la creatura si confessa e racconta i suoi sentimenti e le sue paure: l’essere è solo al mondo, non ne esiste nessun altro della sua specie; gli uomini lo rifuggono, sono disgustati da lui, anche quando egli si mostra amorevole. Inizialmente, la creatura è buona e aiuta da lontano un famiglia di contadini. Ma quando viene scoperto, scoppia il finimondo, e il mostro capisce che non sarà mai gradito da essere umano.

Maledetto, maledetto creatore! Perché vivevo? Perché in quello stesso istante non ho spento la scintilla di vita che tu avevi così arbitrariamente acceso? Non lo so. La disperazione non si era ancora impadronita di me; ciò che provavo erano sentimenti di rabbia e vendetta. Avrei volentieri distrutto la fattoria e i suoi abitanti, per saziarmi delle loro urla e della loro disperazione [cit. Frankenstein pagina 166]

L’essere è furibondo con il creatore e il mondo: la sua solitudine è insopportabile, desidera una compagna e chiede a Victor Frankestein di crearne una. Lo scienziato è combattuto, rifugge addirittura alle Isole Orcadi, dove allestisce un piccolo laboratorio. Ma pochi secondo prima di instillare la vita nella compagna del mostro, il dottor Frankestein cambia idea.

Ora si scatena la vera furia della creatura. Non potrà placarsi finché non avrà la sua vendetta. Finché non avrà rovinato l’esistenza di Victor Frankestein come lui ha rovinato la sua mettondolo al mondo, quel mondo crudele e cattivo che lo rifiuta e lo detesta. Inizia un vero e proprio inseguimento, che porterà i due a sfidarsi e confrontarsi sino alle gelide e spaventose distese polari.

f

Una delle molte versioni del romanzo tradotte in lingua italiana

 

Frankestein deve il suo grande successo non solo alla storia, manipolata in ogni modo da film, musical, libri e parodie; deve la sua fama anche al fatto che i temi trattati sono sempre attuali: a che punto la scienza può spingersi? Qual è il confine tra la scienza e l’arrivare quasi a sostituirsi a Dio? Cosa succede quando le persone animate da grandi intenzioni vengono deluse dalla società? Perché esiste il male e si può combattere? O necessariamente si deve soccombere?

Ovviamente, come ogni romanzo si può leggere con diverse chiavi di lettura e ognuno trova la sua. Io l’ho apprezzato perché la narrazione è avvincente e appassionata, qualità rara ahimé nei romanzi di oggi, e ovviamente perché mi ha aiutata a rflettere.

… Poi, parliamoci chiaro: se un romanzo scritto quasi per caso da una ragazza molto giovane fa parlar di sé da quasi duecento anni, non pensate anche voi che sia un romanzo a dir poco eccezionale?

Emily Brontë | Cime tempestose

L’ho letto per ultimo, l’unico romanzo scritto da Emily. L’ho letto per ultimo perché molti amici (soprattutto Federica, la mia consigliera libresca di fiducia) mi ha confessato che “Cime tempestose” è il suo classico preferito; anche in molti blog di libri e su aNobii lo davano come il migliore delle sorelle Brontë, nonché nella quarta di copertina della mia copia c’è scritto: “Capolavoro assoluto della letteratura vittoriana, romanzo per eccellenza della passione romantica […]“. Con una serie di premesse come queste, non ho potuto far altro che leggerlo e di seguito ecco il mio commento.

Titolo: Cime tempestose

L’autrice: Emily Jane Brontë nacque a Thorton il 30 luglio 1818, quinta di sei figli di Patrick Brontë e Maria Branwell. Emily condusse una vita appartata nella casa paterna, dalla quale quasi non si mosse se non per brevi soggiorni in collegio. L’universo di Emily fu molto limitato, ma i libri “il mondo di dentro” la ispirarono molto. Emily Brontë morì di tisi nel 1848, solo un anno dopo aver pubblicato “Cime tempestose”, il suo unico romanzo.

Editore: Superclassici Sperling Paperback

Il mio consiglio: sì, è un romanzo emozionante, appassionante, avvincente e ricco di colpi di scena

Heathcliff si era inginocchiato per abbracciarla; tentò di alzarsi, ma lei lo tenne fermo prendendolo per i capelli. “Vorrei poterti tenere così,” continuò con amarezza, “finché non fossimo morti tutti e due. Non m’importerebbe di farti soffrire. Non m’importa delle tue sofferenze. Perché non dovresti soffrire anche tu, come me? Mi dimenticherai? Sarai felice quando io sarò sottorerra? Fra vent’anni dirai: Ecco la tomba di Catherine Earnshaw. Tanto tempo fa l’amavo, e mi disperavo per averla perduta; ma è passato. Da allora ne ho amate molte altre: i miei figli mi sono più cari di quanto lo fosse lei, e alla mia morte non sarò felice perché vado a raggiungerla, ma infelice perché devo lasciare loro! E’ questo che dirai, Heathcliff?”

Per il lettore che ancora non ha letto “Cime tempestose” questo passo che ho citato penso possa far trasparire tutta la passione che c’è tra Heathcliff e Catherine, i due protagonisti principali del romanzo. I dipinti di William Turner, acquerellista inglese dell’Ottocento,  mi hanno ispirata per tutta la durata della lettura: mi piace molto accostare letteratura e arte. Nei tratti rapidi e sbiaditi di Turner vedo le perfette descrizioni del romanzo di Emily Brontë, descrizioni splendide e realistiche, tanto da avermi nuovamente fatta innamorare della brughiera e delle ambientazioni cupe e gotiche.

Emily purtroppo è morta giovanissima di tisi, un male molto diffuso nella sua famiglia, e ha potuto pubblicare solamente una raccolta di poesie (scritte con le due sorelle, Anne e Charlotte) e questo romanzo. Morta a solo un anno dopo la pubblicazione di questo romanzo che diede scandalo per i contenuti della trama, Emily non poté beneficiare della fama che le avrebbe portato, se si considera che si legge ancora oggi, a 166 anni dalla pubblicazione e piace ancora come se fosse una novità del momento.

La vicenda delle famiglie Earnshaw e Linton viene narrata da Ellen Dean, la storia domestica della famiglia Earnshaw, al signor Lockwood il fittavolo del signor Heathcliff. Il romanzo inizia nel 1801 quando appunto la domenista Ellen narra, con un lunghissimo flashback, la storia delle famiglie. Il signor Lockwood è molto interessato e vuole ogni dettaglio e ogni particolare. Così la domestica di abbandona ai ricordi di quelle due famiglie così divise tra loro, per ceto sociale e scuola di pensiero ma così legate per una serie di unioni ed eredi in comune.

Il romanzo può definirsi avvincente: è ricco di colpi di scena e benché ai personaggi principali se ne aggiungano di nuovi tra l’ideale prima parte e seconda parte, non resta mai noioso né pesante. I sentimenti, i gesti, i dialoghi come le descrizioni paesaggistiche sono portate all’estremo: la passione domina i due protagonisti principali, mentre altri personaggi che nella prima parte sono in ombra e appaiono odiosi al lettore, nella seconda parte si comporteranno diversamente e appariranno persone migliori.

“Cime tempestose” è quel romanzo che vorresti che non finisse perché l’ambientazione è bellissima – sublimi le descrizioni delle nevicate, della nebbia, delle serate fredde e buie – e vorresti sapere cosa succede ai rispettivi figli di Heathcliff e Catherine. Ma Emily è mancata giovane e chissà se aveva in mente un seguito per i suoi personaggi. E chissà se avrebbe mai immaginato che con questo romanzo avrebbe fatto parlare, emozionare e commuovere migliaia di lettori nei secoli a venire…