La mia bussola punta a Nord: consigli per un viaggio a Riga

La mattina della partenza sono tranquilla, e di solito non mi accade mai. Arriviamo puntuali all’Aeroporto di Orio al Serio di Bergamo: è una mattina splendida per volare, non c’è una nuvola. Quando il nostro aereo decolla, io mi incollo letteralmente al finestrino del velivolo: le Alpi sono splendide, con le loro cime aguzze e innevate.

Un paio d’ore dopo, atterriamo a Riga, la capitale della Lettonia. L’aereo inizia ad avvicinarsi al suolo e io scorgo il Mar Baltico: ho un piccolo tuffo al cuore. È in quel momento che mi rendo conto che sono tornata, sono tornata per davvero nelle mie amate Repubbliche Baltiche. E ora vi racconto qualcosa di più.

Perché Riga?

Riga è la capitale della Lettonia, la maggiore tra le tre capitali baltiche. Anche la Lettonia, come l’Estonia e la Lituania, è diventata indipendente per la seconda volta e in modo definitivo nel 1991. Quando rivelavo ad amici e conoscenti che sarei andata a Riga, per un po’ restavano spaesati pensando che sarei andata in Russia. La Lettonia è oggi un Paese dell’Unione Europea, ha adottato l’euro come moneta e grazie agli accordi europei è possibile entrare in territorio lettone in modo libero e senza controlli alle frontiere.

Qualche cenno sulla sicurezza: Riga mi è parsa una città molto sicura. Non ho mai avvertito la sensazione di essere seguita o fissata con insistenza, né ho notato personaggi equivoci o loschi. Riga è una città molto pulita e questo mi ha fatto molto piacere.

Come già sapete, la curiosità verso i Paesi Baltici mi è nata leggendo “Anime baltiche” di Jan Brokken, tradotto in italiano da C. Cozzo e C. Di Palermo per Iperborea. Riga è la seconda capitale baltica che ho visitato e anche lei, nella sua eleganza e raffinetta, mi ha colpita positivamente.

Mercatino di Natale di Riga (foto: Claudia)

Perché organizzare un viaggio a Riga?

  • Riga è stata una delle città della Lega Anseatica e il suo splendido centro storico di origine medievale è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
  • La città di Riga vanta una delle più complete e interessanti collezioni di edifici in stile liberty d’Europa, un palazzo più bello dell’altro che faranno la gioia degli appassionati d’architettura.
  • Riga ha il mercato coperto più grande d’Europa, che si trova nel quartiere russo: qui troverete davvero qualsiasi cosa e resterete impressionati nei padiglioni del pesce e della carne per l’abbondanza e la varietà di merci proposte.
  • La Biblioteca Nazionale di Riga è un monumento nazionale: quando i sovietici governavano la Lettonia avevano proibito e distrutto migliaia di testi lettoni. La nuova Biblioteca Nazionale, che sembra un’arca e si riflette sulla Daugava, può ospitare circa quattro milioni di libri.
  • L’offerta culturale a Riga è notevole: la città ha molti musei e alcuni ad ingresso gratuito.

Lo spettacolare scalone del Museo dell’Art Nouveu a Riga (foto: Claudia)

Come vestirsi in inverno per un viaggio a Riga?

Anche quest’anno non ho sofferto il freddo, però una sera lungo il fiume soffiava un vento gelido e tagliente. Per cui a tutti suggerisco indossare: una maglietta termica maniche lunghe, un pile leggero, un pile giacchetta con cappuccio e un giaccone a vento; poi, calzemaglia termica, calzini, pantaloni di velluto, scarponcini impermeabili; infine non dimenticate paraorecchie, guanti e una sciarpa. E ora via, a svaligiare Decathlon.

Come sempre, ho portato con me alcuni medicinali generici: Moment, Tachipirina e una confezione di Benagol.

Cattedrale della Natività di Cristo a Riga (foto: Claudia)

Come arrivare, dove soggiornare, come muoversi a Riga

Per raggiungere Riga mi sono affidata a Ryanair: ad agosto ho acquistato Bergamo-Riga al prezzo di 64 euro a/r. Dall’aeroporto di Riga sono molte le soluzioni per raggiungere il centro città: il più economico e comodo è utilizzare l’autobus n. 22 che collega Riga Lidosta (aeroporto) con Autoosta (Stazione Centrale di Riga). Dalla Stazione Centrale di Riga partono tutti i bus, filobus e tram per raggiungere ogni punto della città (escluso il centro storico che è pedonale). Per chi è intenzionato a muoversi con i mezzi pubblici suggerisco di acquistare l’abbonamento: si può comprare in aeroporto al punto informativo e ci si può abbonare per uno, tre o cinque giorni. Noi abbiamo sottoscritto l’abbonamento per 5 giorni (15 euro).

L’offerta di ostelli, hotel, residence a Riga è notevole. Io ho prenotato attraverso Booking.it un hotel 4 stelle al prezzo incredibile di 90 euro per tre notti, con colazione inclusa. Il City Hotel Teater mi è piaciuto molto: personale gentile, stanze spaziose e comodissime, arredamento sovietico, bagno spazioso e molto pulito. La colazione decisamente varia e abbondante.

Chiostro del Duomo di Riga (foto: Claudia)

Cosa e dove mangiare a Riga

Come per le strutture, anche per i ristoranti avrete un’ampia scelta a Riga, in funzione di quanto vorrete spendere. Io vi posso suggerire due posti dove mi sono trovata davvero benissimo: Pelmeni LX e i self service della catena Lido.

Pelmeni LX è un locale piccino in prossimità del centro dove vengono offerti solo ravioli siberiani, da quelli con la carne a quelli vegetariani. Ci si serve al bancone e alla cassa viene pesato quanto preso. Ci si può sedere in uno dei colorati tavolini e gustare questi buoni ravioli. Il menù è solo in lettone: divertitevi! Prezzo per un pasto (abbondante): 5-9 euro (bevande incluse).

I self service della catena Lido sono spettacolari: la varietà di cose proposte è impressionante e va dai piatti di pesce (ottimi il salmone e i merluzzi panati), alla carne (pollo, vitello, maiale) senza scordare le sane verdure o le gustose insalate lettoni (con barbabietola o buonissima quella di yogurt e patate). I dolci sono ottimi, li troverete vicini alle casse, per tentarvi un po’. Non esiste la pasta, rassegnatevi per qualche giorno. Prezzo medio per un pasto: 8-12 euro (bevande incluse).

Se soggiornate a Riga in inverno e siete curiosi di provare qualcosa di particolare potete mangiare al mercatino di Natale in piazza del Duomo. Vi suggerisco di non dimenticare di assaggiare il karstais, una bevanda calda fatta con succo di mela, succo di ribes o mirtillo, cannella, chiodi di garofano e scorzette d’arancia, con diversa gradazione alcolica. E’ molto zuccherata ma scalda parecchio!

Cibi sottaceto al mercato centrale di Riga (foto: Claudia)

12 cose da non perdere a Riga

  • Se viaggiate in inverno, il Mercatino di Natale in piazza Duomo
  • Il monumento alla Libertà
  • Il Museo del KGB (ingresso gratuito, visite guidate a pagamento)
  • Il Museo d’Arte Nazionale Lettone (ingresso 6 euro)
  • Il Museo dell’Art Nouveau (ingresso 9 euro)
  • Le vie del Liberty: Elizabeta iela e Alberta iela
  • Il centro storico della città e le chiese ortodosse
  • La Biblioteca Nazionale
  • Una gita a Jurmala, località balneare sul Mar Baltico facilmente raggiungibile in treno da Riga (biglietti a/r circa 2.50 euro)
  • Il Duomo di Riga e lo spettacolare Chiostro (ingresso al Chiostro 3 euro)
  • Il mercato centrale di Riga e il quartiere russo
  • Un drink allo Sky Bar Radisson Blue: è caro per la media di Riga ma la vista dal 26° piano ripaga il prezzo

Stazione di Jurmala (foto: Claudia)

Cosa leggere per prepararsi a sognare un viaggio a Riga

La guida che ho usato

Uno degli splendidi edifici liberty di Alberta iela (foto: Claudia)

*

Per il momento mi fermo qui a raccontare il viaggio a Riga. Presto preparerò un itinerario letterario per scoprire la città, che a mio avviso merita davvero di essere visitata, lasciando a casa tutti i pregiudizi per godersi un viaggio davvero indimenticabile!

*

Se prenoti il tuo viaggio attraverso questo link di Booking ti aspetta un sconto di € 15 che riceverai a fine soggiorno!

Annunci