Elias Canetti | Le voci di Marrakech

Davvero in quel momento mi sembrò di essere altrove, di aver raggiunto la meta del mio viaggio. Da lì non volevo più andarmene, ci ero già stato centinaia di anni prima, ma lo avevo dimenticato, ed ecco che tutto ritornava in me. Trovavo nella piazza l'ostentazione della densità, del calore della vita che sento in … Leggi tutto Elias Canetti | Le voci di Marrakech

Annunci

Mohammad Hossein Mohammadi | I fichi rossi di Mazar-e Sharif

Hanno tirato fuori i nostri cadaveri dal pozzo e li hanno portati via. Ci eravamo svegliati qualche giorno dopo, quando avevamo sentito i passi dei loro piedi sopra di noi. - Ci hanno trovato - ho detto. - Stavamo in pace - ha detto mio padre - e adesso si ricomincia con la confusione. (...) … Leggi tutto Mohammad Hossein Mohammadi | I fichi rossi di Mazar-e Sharif

Enrique González Tuñón | Letti da un soldo

Sono stato amico di ladri, biscazzieri, gente miserabile. Ho conosciuto gente spregevole, donne ipocrite, puttane. La vita è amara, pesante, difficile. Adesso penso che avrei dovuto morire quando mi operarono per non so quale malanno, venti e più anni fa. Ero un bambino, e mi avrebbero portato al cimitero in una cassa bianca. Invece di … Leggi tutto Enrique González Tuñón | Letti da un soldo

A. Igoni Barrett | L’amore è potere, o almeno gli somiglia molto

L'ultima volta che abbiamo litigato le avevo appena detto che l'amavo. Lei ha detto "fatti, non parole", e che se l'amavo sul serio le avrei dato un bambino, non l'avrei mai lasciata in quel modo, neanche per sogno. "Amore significa che torni anche quando non puoi". A quel punto abbiamo litigato. Ho raccattato le mie … Leggi tutto A. Igoni Barrett | L’amore è potere, o almeno gli somiglia molto

Prabda Yoon | Feste in lacrime

(...) è la pagina di un quaderno di seconda media. Le righe azzurre cominciano a sbiadire. C'è una frase solo nella pagina, alla terza riga dall'alto. Scrivevo bene, in nero, e a sorpresa le lettere sono ancora molto leggibili. La frase è: "Non cambierò mai". Che cosa non volessi diventare non lo ricordo più. Non … Leggi tutto Prabda Yoon | Feste in lacrime

Elia Gonella | Tenebre

L'appartamento l'aggredì fin dalla soglia. Sulla porta d'ingresso, una zaffata d'aria calda, pesante di polvere, d'acqua stagnante, la colpì al volto (...) Alcuni drammi si consumano in un istante, altri in una vita intera (...) Forse era un'ospite indesiderata, forse la casa l'avrebbe trattata come tale. A inquietarla più di tutto era il silenzio incompleto. … Leggi tutto Elia Gonella | Tenebre

Beka Kurkhuli | La città nella neve

È caduta una grande quantità di neve che ha imbiancato tutto il quartiere. Il cielo incombente sembrava non volersi aprire mai alla primavera e i fiocchi ghiacciati sull'asfalto non sciogliersi più. Il vento turbinava ammassando cumuli di neve. Quel giorno il vento era sparito e il sole pareva sfuggito alla prigionia delle nubi cupe e … Leggi tutto Beka Kurkhuli | La città nella neve

Miroslav Penkov | A est dell’Occidente

Ho trovato le lettere che ha scritto a mia moglie molto prima che ci conoscessimo, quando lei aveva sedici anni. Una di quelle scoperte stupide, da romanzo rosa, niente a che vedere con la realtà e la vecchiaia (...) Non riesco neanche a immaginare di essere capace di scrivere lettere che una donna voglia conservare … Leggi tutto Miroslav Penkov | A est dell’Occidente

Megan Mayhew Bergman | Paradisi minori

C'è posto per me nel paesino di porcellana? Per la mia casa cadente, i cani, le pecore? (...) Entrai a versarmi altra vodka e limonata. Pensai alle foglie di Gray nel cassetto del mio comodino e andai di sopra a prenderle. Il procione aveva fatto il nido nel mio cuscino. Sembrava così tenero, e dormiva … Leggi tutto Megan Mayhew Bergman | Paradisi minori

Amy Fusselman | Il medico della nave/8

La storia della mia vita non era una linea retta che mi lasciavo dietro come una scia, un avvenimento dopo l'altro, alcuni più vicini e altri più lontani. Era come se la storia della mia vita non fosse affatto collegata a me. Era una sfera sul tavolo di una biblioteca chissà dove, e le violenze … Leggi tutto Amy Fusselman | Il medico della nave/8