Siri Ranva Hjelm Jacobsen | Isola

Un tempo si credeva che nel mare intorno alle Faroe ci fossero isole galleggianti, raccontava abbi (…) ‘Da dove venivano?’ domandai (…) Prendi Svínoy: un tempo era un’isola galleggiante. Da dove veniva, nessuno sapeva dirlo, ma di giorno si teneva nascosta nell’abisso. Ogni notte spuntava in superficie e con un po’ di fortuna poteva capitare di vederla: spumeggiante contro il cielo, sorta dal nulla, con l’acqua che le scorreva intorno a fiotti [Isola, Siri Ranva Hjelm Jacobsen, trad. M. V. D’Avino]

Chi emigra chiama casa il luogo d’origine, il punto dal quale è partito e che si è lasciati alle spalle. Per i figli degli emigranti il luogo d’origine dei genitori sarà casa ma con una connotazione molto diversa: casa, per loro, è semplicemente un posto dove si trascorrono le vacanze, dove una volta l’anno si riunisce chi è emigrato e chi è rimasto.

La protagonista del romanzo “Isola” di Siri Ranva Hjelm Jacobsen (trad. M. V. D’Avino, Iperborea, 17 €) è la nipote di Marita e Frizt, due faroesi immigrati in Danimarca negli anni Trenta. Abbi Frizt avrebbe voluto diventare ingegnere elettronico per lavorare alla centrale idroelettrica, ma la scuola era molto costosa e la prozia Ingrún dovette decidere se aiutare economicamente suo fratello Frizt o suo fratello Jegvan. Scelse Jegvan.

Così Frizt emigrò a Vordingborg, in Danimarca, per frequentare una scuola magistrale. La vita di mare, a diffenza dell’altro fratello Ragnar, non faceva per abbi Fritz.

Fritz ha mal di gola. Le dita dei piedi sguazzano nel sudore freddo e un cattivo odore gli invade il naso ogni volta che respira. Avvilito, si passa la lingua lungo i denti felpati. Un uomo malato avrà pur il diritto di lavarsi i denti? Il pesce lascia il suo sangue acquoso sotto le unghie, sugli indumenti di lana. Strisce di muco argentato, qualcosa di più scuro. Scaglie minuscole che sfarfallano sotto il coltello, volano in giro e s’incollano alla pelle bagnata. A volte ci sono dei vermi [Isola, Siri Ranva Hjelm Jacobsen, trad. M. V. D’Avino]

Omma Marita si fermò ancora un anno sull’isola di Vágar, nel verde arcipelago delle Faroe. Un anno durante il quale si avvicinò a Ragnar, il fratello di Frizt. Marita gli si avvicinò così tanto da portare dentro di sé uno scomodo segreto sulla nave in partenza da Suðuroy. Una volta giunta in Danimarca, il segreto scomparve e Marita poté iniziare la sua nuova vita con Fritz. Abbi è stato felice con omma, per tanti anni a venire, ma un sentimento l’ha pervaso e non l’ha abbandonato mai: la nostalgia.

“Non ti manca proprio niente di casa?” le domandava Fritz. “Mi manca tutto”, mentiva Marita. Lui aveva bisogno di sentirselo dire. Provava nostalgia, qualche volta, e lei pensava che non dovesse portarlo da solo [Isola, Siri Ranva Hjelm Jacobsen, trad. M. V. D’Avino]

Photo by Hollie Harmsworth on Unsplash

La protagonista non si sente completamente faroese, perché è nata in Danimarca e le Faroe le conosce soprattutto come meta delle vacanze estive. Le Faroe non sono la sua patria, non sono la sua casa. Lei non parla faroese e ha una chioma nera, lunga, non bionda come le donne delle isole. Eppure, nonostante questo, la ragazza vuole fare luce sulla sua famiglia, in particolare sulla figura dei nonni, abbi e omma, da lei molto amati.

Abbi è riuscito a trasmettere la nostalgia per un luogo mai vissuto, la nipote prova una nostalgia strana e curiosa per le Faroe, isole che non sono mai state casa sua. La nostalgia, talvolta, è ereditaria.

Abbi mi insegnò la sua nostalgia come un versetto biblico, su cui battevamo e ribattevamo (…) Le isole di cui aveva nostalgia non avevano una posizione geografica. Io lo sapevo, e di sicuro lo sapeva anche omma. Che quella di abbi era una patria fluttuante. [Isola, Siri Ranva Hjelm Jacobsen, trad. M. V. D’Avino]

“Isola” di Siri Ranva Hjelm Jacobsen è un romanzo breve ma molto evocativo, ricco di immagini suggestive e descrizioni poetiche. “Isola” è una saga famigliare che si sviluppa sulle isole Faroe, dove la giovane protagonista con il nome che è incapace a pronunciare – perché faroese e lei conosce solo il danese – vuole interrogare i parenti rimasti sulle isole per approfondire le conoscenze riguardo omma e abbi, Marita e Fritz.

La storia di questi ultimi viene rivelata un po’ per volta: un dettaglio del passato e subito un salto nel presente, un dettaglio e di nuovo il silenzio. Le zie rimaste sull’isola parlano anche degli altri fratelli di abbi: Ingrún, Jegvan, Kalle, Ragnar, e la moglie di quest’ultimo, Beate.

Photo by Marc Zimmer on Unsplash

La protagonista, nella sua ricerca, è accompagna dalla madre e dal padre, che chiama affettuosamente la Tarantola. I tre viaggiano attraverso i lussureggianti e incontaminati paesaggi delle Faroe, gli abitati maggiori come Tórshavn e le isole che scompaiono in una notte, come vuole la leggenda di Mikynes; l’obiettivo è conoscere le proprie radici, iniziare a vedere le Faroe non solo come un luogo di vacanza, ma percepirle come l’origine di tutto.

Una riga in una lettera di Fritz: Le isole più piccole possono nascere in una notte, e possono sparire in una notte. E poi? Sott’acqua, nel fondo del mare, tutte le terre emerse s’incontrano [Isola, Siri Ranva Hjelm Jacobsen, trad. M. V. D’Avino]

Titolo: Isola
L’Autrice: Siri Ranva Hjelm Jacobsen
Traduzione dal danese: Maria Valeria D’Avino
Editore: Iperborea
Perché leggerlo: perché è una storia raccontata con uno stile poetico e delicato, perché parla di una famiglia e dei suoi componenti che spesso devono prendere decisioni drammatiche e impegnative. Perché il luogo in cui nascono i nonni o i genitori è l’origine di tutto, anche se per noi restano dei luoghi di vacanza o di passaggio.

(© Riproduzione riservata)

Annunci

Thorkild Hansen | Arabia Felix

È un caso o c’è un significato nascosto? (…) Tutto si basa su un equivoco. Ci sono paesi in cui siamo stati felici, ma non ci sono paesi felici. Né a nord, né a sud. Né a destra, né a sinistra. Né lontano, né vicino. Dobbiamo correggere questo errore di traduzione, anche se così diventa tutto più difficile. Perché, se ci fosse qualcosa di vero, se la felicità si trovasse anche solo nel paese più lontano e il viaggio per raggiungerlo comportasse i più grandi rischi e potesse essere intrapreso solo a prezzo dei peggiori sacrifici, partiremmo comunque subito [Arabia Felix, Thorkild Hansen, trad. D. Unfer]

Perché l’Arabia Felice è chiamata felice? I suoi abitanti nascondono per caso il segreto della felicità?

Nel gennaio del 1761 dal porto di Copenaghen parte una nave da guerra, la Grønland, sulla quale si trovano cinque emeriti scienziati pronti a salpare per l’Arabia Felice, l’attuale Yemen. La loro missione, finanziata dal re di Danimarca, è quella di scoprire perché lo Yemen è un paese felice, ma non solo.

Poiché si tratta di una spedizione che ha un programma di viaggio incredibile per l’epoca, gli scienziati hanno numerosi altri compiti: scoprire i costumi delle popolazioni arabe, la loro lingua, i rapporti con la religione, la Storia dei paesi che verranno attraversati. Inoltre, l’emerito linguista scansafatiche Von Haven deve cercare antichi manoscritti religiosi biblici e ha l’arduo compito di capire se le iscrizioni sul Monte Sinai sono i Comandamenti che Dio impartì a Mosè.

Gli altri membri della spedizione sono: il naturalista svedese Forsskål, allievo del celebre Linneo, che ha il compito di raccogliere e descrivere quante più forme di vita animali e vegetali troverà lungo il percorso; il medico Kramer, piuttosto scarso come dottore; l’abile incisore e pittore Baurenfeind; infine, Niebuhr, umile agrimensore originario della Frisia.

Nella spedizione ci sono coloro che rifuggono i compiti e ci sono coloro che non si risparmiano nel lavoro. Mentre Kramer e Von Haven si riposano e mangiano alle spese del re di Danimarca, Niebuhr e Forsskål si danno da fare; Niebuhr si occupa di mappare, misurare e cartografare città, villaggi e siti archeologici. Forsskål raccoglie semi, prepara un erbario, mette sotto alcool serpenti, insetti e pesci.

Il vero viaggio incomincia in Egitto, quando giungono ad Alessandria. I membri della spedizione vedono e descrivono meraviglie della civiltà egizia: Niebuhr resta ammaliato dalle piramidi, opera incredibile per mano di migliaia di uomini, Forsskål scrive diversi trattati di scienze naturali in latino.

La missione prosegue verso il Sinai, dove Von Haven dimostra la sua incompetenza, non riuscendo a trovare – probabilmente – neppure il Monte giusto sul quale salire. Dopo il Sinai, la spedizione danese raggiunge la penisola araba e dall’attuale Arabia scendono verso lo Yemen. Ma questo punto, i membri saranno in compagnia di una malattia letale poco conosciuta dagli europei dell’epoca: la malaria.

A Sana’a, la maestosa capitale dello Yemen, giungono solo in tre. Sono trascorsi due anni dalla partenza da Copenaghen, durante il viaggio sono accadute molte cose – positive e negative – e finalmente i rappresentanti del re di Danimarca, spossati e devastati dalle febbri malariche, sono giunti nella capitale dell’Arabia Felice. Ma qui faranno un’amara scoperta: il nome “felice” deriva semplicemente da un’equivoco, lo Yemen non è affatto un paese felice, o meglio, non più e non meno di altri paesi nel mondo.

I tre uomini si fermano a guardare la valle con le sue case, il fumo dei focolari che sale verso l’alto misto al vapore della pioggia ancora sospeso alle pendici dei monti. Tutto è immobile. In primo piano un gruccione è tranquillamente appollaiato su un ramo. Ci vuole un po’ di tempo prima che gli stanchi viaggiatori credano davvero ai loro occhi. La città nella valle non è un miraggio provocato dalla febbre. È reale, come l’odore di terra bagnata che aleggia nell’aria (…) Non è un miraggio. È Sana’a. È la capitale dell’Arabia Felice [Arabia Felix, Thorkild Hansen, trad. D. Unfer]

Veduta di Sana’a, capitale dello Yemen, dichiarata Patrimonio Mondiale dell’UNESCO (fonte: Wikipedia, CC BY 2.0)

Arabia Felix” di Thorkild Hansen (trad. Doriana Unfer, Iperborea) è il magnifico resoconto del viaggio della spedizione finanziata dal sovrano di Danimarca volta alla scoperta degli usi e costumi arabi. Hansen fu archeologo e giornalista e scrisse “Arabia Felix” negli anni Novanta.

La prima parte del libro è piuttosto tosta e a tratti può annoiare il lettore: vengono presentati con un dettagli minuzioso i caratteri e i difetti dei partecipanti alla spedizione, e vengono messi in luce i retroscena sia politici che economici di una tale impresa. Ma dal punto in cui il viaggio e proprio inizia, per il lettore è una continua scoperta.

Thorkild è il narratore onniscente che della spedizione conosce tutto, e spesso fa parlare i diretti interessati attraverso lettere e frammenti di diario: il risultato è, tolte le prime pagine, un viaggio interessante e scorrevole, altamente coinvolgente. Il viaggio di ritorno da Sana’a, dove ritroveremo solo più Niebuhr, unico sopravvissuto della spedizione, è pura poesia. Niebuhr da Sana’a va a Bombay con gli inglesi, per poi risalire la Persia, l’attuale Iraq, la Siria e la Turchia; quindi ritorna in Europa passando da Bucarest, la Moldavia e la Valacchia.

Sito archeologico di Persepoli, l’antica capitale del regno di Persia, distrutta da Alessandro il Macedone (fonte: Wikipedia, CC BY-SA 4.0)

Però, una volta rientrato in Danimarca, Niebuhr farà una serie di amare scoperte: la stampa dell’epoca si è occupata poco della spedizione, le casse con le curiosità naturalistiche raccolte da Forsskål sono marcite nei depositi dell’università e il re che aveva voluto la spedizione è morto.

Niebuhr scivola ben presto nell’oblio e sceglie di tornare nelle sue amate campagne della Frisia, nell’ovest della Danimarca. Gli importanti risultati della spedizione in parte verranno persi, in parte dimenticati in qualche deposito, in parte distrutti; solo molti anni dopo qualcuno aprirà gli archivi, ma si accorgerà che molte informazioni sono inservibili oppure sono state “riscoperte” da altri, tempo dopo.

Il bellissimo libro di Thorkild Hansen, oltre ad essere l’appassionante resoconto di un viaggio incredibile (almeno per l’epoca), è una profonda riflessione sul concetto di felicità, sentimento prezioso che da sempre l’Uomo ricerca senza troppi successi. La felicità può presentarsi come qualcosa di estremamente effimero: un nuovo sito archeologico da mappare per Niebuhr, una specie nuova da scrivere per Forsskål, un ottimo piatto arabo per Von Haven. Però, Hansen non ha dubbi: la vera felicità va cercata dentro di noi, di modo che sia sempre disponibile e sia facile da raggiungere, senza troppi sacrifici o viaggi perigliosi.

(…) sarebbe in ogni caso più facile raggiungerla là che non nell’unico posto dove si trova davvero, il posto che è più vicino del paese più vicino eppure è più lontano del paese più lontano, perché questo posto non si trova fuori, ma dentro di noi [Arabia Felix, Thorkild Hansen, trad. D. Unfer]

Titolo: Arabia Felix
L’Autore: Thorkild Hansen
Traduzione dal danese: Doriana Unfer
Editore: Iperborea
Perché leggerlo: per viaggiare verso Oriente e fare un vero e proprio salto nel tempo; per innamorarsi di luoghi e culture a noi molto lontane
Leggilo se: ti sono piaciuti “Buonanotte, signor Lenin” e “In Asia” entrambi di Tiziano Terzani

(© Riproduzione riservata)

Jens Christian Grøndahl | Spesso sono felice

Ho scoperto il nuovo romanzo di Jens Christian Grøndahl “Spesso sono felice” (trad. E. Kampmann, Feltrinelli, 103 pagine, 12 €) sui social network, precisamente sulla pagina facebook de I Boreali – Nordic Festival; la copertina essenziale e il titolo romantico mi hanno incuriosita e una volta letta la trama, che presupponeva un romanzo nostalgico e malinconico, ho deciso di leggerlo.

spessosonofelice

Adesso è morto anche tuo marito, Anna. Tuo marito, nostro marito. Mi sarebbe piaciuto che riposasse accanto a te, ma tu hai già due vicini di posto, un avvocato e una signora seppellita un paio di anni fa. Quando arrivasti tu, l’avvocato c’era già da parecchio tempo. Ho trovato un lotto libero per Georg nella fila successiva; dalla tua tomba si vede il dietro della sua lapide. Ho scelto l’arenaria, nonostante il marmista mi abbia detto che risente delle intemperie. E allora? Il granito non mi piace. I gemelli invece lo avrebbero preferito, su questo punto una volta tanto erano d’accordo [Spesso sono felice, Jens Christian Grøndahl, trad. E. Kampmann]

Ellinor è una donna di settant’anni, determinata e decisa, convinta di sapere come vuole trascorrere questi ultimi anni che le restano; dopo la morte del secondo marito, Georg, Ellinor vende la grande casa senza quasi interpellare i gemelli, figli di Georg e di Anna la prima moglie di lui, e decide di tornare a vivere nel quartiere di Copenaghen dove viveva da bambina, Amerikavej.

I gemelli Stefan e Morten, piccati dalla scelta di vendere la proprietà, cercano di dissuadere Ellinor e ci prova anche Mie, l’insopportabile e dispotica moglie di Stefan; Ellinor, però, non vuole altro che vivere in quel quartiere e guardare dalle finestre la vecchia casa dove visse con la madre.

La vita di Ellinor, benché lei l’abbia sempre affrontata con ottimismo e determinazione, non è sempre stata facile. Tre eventi hanno interessato la vita di Ellinor, stravolgendola per sempre: la scoperta dell’identità di suo padre, il tradimento da parte del suo primo marito e un terribile incidente mortale occorso sulle Dolomiti molti anni prima.

Ellinor racconta tutto questo, con un tono malinconico ma striato di positività, sotto forma di lettera ad Anna danese di origini italiane, la sua amica scomparsa moltissimi anni prima. E’ attraverso queste righe che Ellinor traccia un preciso bilancio della sua esistenza, raccontando all’amica tutto ciò che è successo dopo la sua drammatica e prematura morte.

L’amore era. Non è più? Sì, che è, muore con l’uomo, ma per quanto tempo potrà svolazzare per conto suo, tendersi nella stanza vuota cercando di acchiappare i granelli di polvere in un raggio di sole? A che punto si trasforma nel ricordo di un sentimento, e non è più il sentimento stesso? (…) Finii con l’amare Georg al posto tuo, e non avrei mai immaginato neanche questo, ma di qui a continuare a vivere in casa sua, senza di lui? Per qualche motivo mi pare inconcepibile, e vorrei capire perché [Spesso sono felice, Jens Christian Grøndahl, trad. E. Kampmann]

1024px-copenhagen_nyhavn_sailingship

Canale Nyhavn, Copenhagen (fonte: Benjamin Janecke, Wikipedia Commons CC BY-SA 3.0)

 Ho apprezzato il romanzo di Jens Christian Grøndahl in modo particolare perché è essenziale e in pochissime pagine riesce a raccontare avvenimenti e sentimenti; un romanzo come questo avrebbe potuto benissimo svilupparsi per trecento pagine, ma Grøndahl sceglie di essere incisivo senza allungare troppo la storia. In poche righe concentra emozioni, descrizioni, sentimenti e questo per me è un valore aggiunto. Una delle più belle storie d’amore contenute in questo libro viene raccontata in poco meno di dieci pagine, quando con un’idea come quella si sarebbe potuta sviluppare per almeno cinquanta o settanta pagine.

Oltre ad essere essenziale, la scrittura di Grøndahl è delicata, lieve e molto poetica. E malinconica, logicamente, trattandosi a tutti gli effetti di una lunga lettera scritta per Anna, l’amica di Ellinor scomparsa da giovane.

Nella lettera di Ellinor vi sono appunto dei segreti personali, dalla scoperta dell’identità del padre a quella del tradimento del suo primo marito e benché l’idea di raccontare il tutto attraverso una lettera non sia un espediente narrativo originale, la vicenda funziona benissimo, e la storia diventa via via sempre più appassionante.

Ellinor è una donna decisa, intraprendente, che nonostante le difficoltà della vita non si è mai arresa, descritta magistralmente nell’intimo, emerge è un personaggio a tutto tondo che spicca notevolmente per la sua voglia di indipendenza.

Spesso sono felice” di Jens Christian Grøndahl è un buon romanzo che ho apprezzato molto e che fa riflettere sul tempo che passa e che lava via discordie e rancori, ma che acuisce la potenza dei segreti taciuti per troppo tempo; fa riflettere su cosa resterà di noi quando non ci saremo più, chi si occuperà delle persone che abbiamo lasciato e chissà se qualcuno prenderà “il nostro posto” nel nostro piccolo mondo.

Titolo: Spesso sono felice
L’Autore: Jens Christian Grøndahl
Traduzione dal danese: Eva Kampmann
Editore: Feltrinelli
Perché leggerlo: il romanzo è un’emozionante storia di amori, relazioni famigliari e segreti personali, perfetta per chi cerca un libro essenziale scritto in modo incisivo e delicato

Jørn Riel | Safari artico

Un libro per viaggiare in luoghi lontani e inaccessibili: ecco cos’ho pensato quando in libreria ho scelto “Safari artico” di Jørn Riel (Iperborea, trad. S. L. Conventini, 145 pagine, 10,50 €): perché questo è un libro che descrive in modo poetico e preciso un mondo fatto interamente di roccia coperta di neve e ghiaccio: l’immensa isola di Groenlandia.

14524584_1091715794214858_7445586442561097924_o

Titolo: Safari artico

L’Autore: nato nel 1931 a Odense è uno scrittore, esploratore ed etnologo danese. Dopo sedici anni trascorsi tra i cacciatori in Groenlandia, è stato inviato dell’ONU sui fronti più caldi del medio ed estremo oriente. Autore di una quarantina di opere, tra cui più di venti ambientate in Groenlandia, ha ricevuto nel ’94 il Premio dei Librai Danesi come autore dell’anno e nel ’98 il Premio della Letteratura Nordica in Francia

Traduzione dal danese: Silvana Lucia Convertini

Editore: Iperborea

Il mio consiglio: un libro per viaggiare attraverso paesaggi ghiacciati, nevosi, dove l’orizzonte si perde e cielo e terra si fondono, in un magma bianco. Un libro davvero unico per chi ama il Nord, senza rinunciare a buffe situazioni e piccole risate

Essere soli. Essere totalmente soli su una costa praticamente deserta, tagliati fuori dal resto del mondo. Dipendere dalle proprie capacità, dalla propria volontà, essere padroni e servitori di se stessi: non erano cose che Anton Pedersen si fosse realmente prospettato quando aveva fatto domanda per un posto di cacciatore di pelli presso l’ufficio della Compagnia. Perché Anton aveva solo diciannove anni e tutt’altri pensieri per la testa (…) La sua Groenlandia era fatta di lunghi viaggi in slitte trainate da cani latranti, straordinarie cacce all’orso e al tricheco, meravigliosi incontri con eschimesi incontaminati e un cameratismo senza incrinature che legava i membri della spedizione fino ai limiti del regno della morte. Era un pioniere di quel tipo che Anton desiderava ardentemente diventare [Safari artico, Jørn Riel, trad. S. L. Conventini]

Immaginate di essere immersi nel bianco: calpestate la neve che scricchiola sotto i vostri stivali foderati di pelo mentre volgete lo sguardo alle montagne aguzze incappucciate di neve, il cielo stesso è lattiginoso e offuscato. Guardate di fronte a voi: l’orizzonte è una fusione di cielo e ghiaccio, un magma biancastro, mentre i cristalli di neve tormentano il vostro viso, sospinti da un vento crudele.

Immaginate un oceano dove placidi galleggiano degli iceberg azzurri; infiniti ghiacciai scendono al mare, come fiumi immobili, dove al posto delle rapide s’insidiano pericolosi seracchi. Immaginate una costa rocciosa frastagliata di fiordi, dove gli intrepidi capitani di ventura devono star attenti a non avvicinarsi troppo con l’imbarcazione. Immaginate sei mesi di buio totale, durante i quali sapete che è notte solo perché increduli e affascinati vedete brillare il cielo di mille colori.

northern_lights_greenland

L’aurora boreale sul Tasiilaq fjord (fonte: Nick Russill, Creative Commons Attribuzione 2.0 Generico, Wikipedia)

Ecco, è così che immagino una delle terre più inospitali del pianeta: l’immensa isola di Groenlandia. L’autore danese Jørn Riel conosce molto bene l’isola di Groenlandia, poiché ci ha vissuto per sedici lunghissimi e freddissimi anni. Nel volume “Safari artico” sono contenute sette storie ambientate in Groenlandia: storie che in danese si definiscono skrøne, ovvero “storiella” o “frottola”. Potrebbe essere simile ai nostri racconti, ma con la sfumatura che lo skrøne – come sostiene Riel – “può essere una verità che è una menzogna, o una menzogna che è una verità“.

Nelle skrøne raccolte nel volume incontriamo gli stessi personaggi, ogni storia ne prende come protagonista uno, lo analizza e ne le avventure, raccontando un frammento di vita e di umanità di ciascuno di loro. Troviamo il giovane Anton, diciannovenne danese che cerca l’avventura nell’artico; il galletto da compagnia Alexander (che ci fa un gallo in Groenlandia?); un amico che va a far visita ad un altro amico e impiega delle giornate intere ad arrivarci, a causa del meteo avverso; c’è la storia del misterioso tatuatore giunto dall’Europa; le istruzioni per come addestrare correttamente un luogotenente; la vicenda della bellissima Emma, la vergine fredda, della quale tutti sono innamorati; infine, c’è una donna inglese – ricchissima – che vuole organizzare un safari artico e il capitano Olsen, vecchio taccagno, cerca di approfittarne.

1024px-kulusuk-winter

Il villaggio di Kulusuk, cinto dalla catena montuosa del Torssuut Tunoq (fonte: Algkalv, Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported, Wikipedia)

Se la vita in Groenlandia non può che essere dura e difficile, Jørn Riel ne narra – con viva abilità – anche gli aspetti divertenti, gli scherzi tra i pionieri, gli equivoci ridicoli, gli inganni e le beffe, perché in ogni skrøne c’è il momento della risata e quello della riflessione. “Safari articoè un libro perfetto per sognare viaggi in terre affascinanti e lontane.

Avvertì di colpo la fantastica attrazione che suscitava quel deserto. Voltò le spalle al mare coperto di lastre di ghiaccio e lasciò lo sguardo vagare sulla terra. Ancora una volta il suo animo si riempì di infinito. Le montagne occupavano l’intero campo visivo. In basso erano nascoste da enormi cumuli di neve, rotondi, seducenti, di una morbidezza quasi femminile (…) Per la prima volta Anton viaggiava dentro di sé. Era da qualche parte al di fuori del suo corpo, da qualche parte tra il fondo della valle e l’immensa volta del cielo. E non vedeva, non udiva, non ricordava. Sentiva intensamente la libertà, quella libertà che aveva sempre sognato e a cui aveva sempre aspirato attraverso i suoi sogni. Quella libertà che la grandiosa terra polare gli aveva pazientemente messo davanti e offerto per quei tre anni. [Safari artico, Jørn Riel, trad. S. L. Conventini]

1024px-gronland_1

Norsk bokmål: Grønland (fonte: Silje Bergum Kinsten, Nordic Co-operation, Licensed under Creative Commons Attribution 2.5 Denmark, Wikipedia)