Fiabe lapponi, l’incanto della magia del Nord

"Aprimi!" (Lei non poteva aprire perché sopra la porta c'era una croce con il nome di Gesù).Ma il ragazzo non apriva; lei allora pensò di entrare dalla finestra per ammazzarlo, ma lui con un trapano aveva fatto dei buchi sulla parete da entrambi i lati della finestra. In quei buchi la donna infilò le dita … Leggi tutto Fiabe lapponi, l’incanto della magia del Nord

Jan Brokken | I Giusti

Tutte le cose importanti cominciano all'improvviso e destano sospetto. A volte ci si ritrova di fronte a una scelta impossibile e per decidere si ha solo una frazione di secondo. Pur non sapendo ancora nulla, si ha il presentimento che da ciò possa dipendere il resto della propria vita (...) Jan Zwartendijk sentì squillare il … Leggi tutto Jan Brokken | I Giusti

Rosa Liksom | La moglie del Colonnello

Mi consolai pensando che il Colonnello aveva avuto solo donne vecchie, brutte o comunque sgradevoli, oppure donne che non sapevano amare davvero. Non avevano saputo renderlo felice, e lui le aveva portate alla tomba prima del tempo. Io ero convinta che con il mio amore sincero sarei riuscita a liberarlo dal male e sommergerlo di … Leggi tutto Rosa Liksom | La moglie del Colonnello

Jón Kalman Stefánsson | Crepitio di stelle

Le stelle brillano, i cani abbaiano, io racconto questa storia; non c'è nessuna differenza. Cerchi il principio e intanto racconti una storia, forse per non pensare che non esiste nessun cielo. Nessun inizio, nessuna fine, solo un moto incessante, una distanza infinita e nient'altro. Crepitio di stelle, Jón Kalman Stefánsson, trad. S. Cosimini Reykjavík, 2002. … Leggi tutto Jón Kalman Stefánsson | Crepitio di stelle

Andri Snær Magnason | Il tempo e l’acqua

Se qualcuno nel 1919 avesse guardato avanti e si fosse posto l'obiettivo di organizzare la nostra vita sul pianeta nei futuri cent'anni, sarebbe sembrata decisamente un'impresa impossibile. Occuparsi di sette miliardi di abitanti, fondare le Nazioni Unite, dare da mangiare e da vestire a tutti, dare case e istruzione, interconnettere il mondo con telefoni e … Leggi tutto Andri Snær Magnason | Il tempo e l’acqua

AA. VV. | The Passenger: Turchia

Turchi, greci, armeni, curdi... Per noi oggi è ovvio e naturale classificare gli abitanti della Turchia in base a simili criteri etnici, tanto più che in questo stato i turchi sembrano costituire una maggioranza quasi opprimente. Sembra anzi che sia così da molti secoli e che i turchi nel loro paese si distanzino più o … Leggi tutto AA. VV. | The Passenger: Turchia

Frank Westerman | Ararat

Metti una sopra l'altra le sillabe della parola Ararat, e ottieni una montagna (...) Mi piace tirare fuori parole dalle lettere e storie dalle parole. Per il suono, il ritmo, il significato. E le scintille. Batti una contro l'altra due frasi e si accende un fuoco. L'Ararat è armeno. L'Ararat è turco. Se tutto va … Leggi tutto Frank Westerman | Ararat

Long Litt Woon | La via del bosco. Una storia di lutto, funghi e rinascita

Cominciai a sognare di entrare a far parte della cerchia più interna dell'ambiente fungaiolo, quella dei periti a cui sono affidati i controlli micologici di stagione. Ero colpita dalla loro preparazione, e anche dalla loro "vocazione", che li spingeva a dedicare il loro tempo libero ad assistere gente di Oslo desiderosa di cogliere funghi. Per … Leggi tutto Long Litt Woon | La via del bosco. Una storia di lutto, funghi e rinascita

Mika Waltari | Gli amanti di Bisanzio

Il mio cuore è come quello di un adolescente. Devo ricorrere alla poesia perché non mi bastano le parole (...) Eppure sento di conoscerti come se ti conoscessi da una vita intera. Per me tu sei tutta Bisanzio. Sei Costantinopoli, la città dei Cesari. È così che ho riconosciuto le strade, le colonne, il marmo, … Leggi tutto Mika Waltari | Gli amanti di Bisanzio

Mikael Niemi | Cucinare un orso

Il pastore lo guardò senza scomporsi, senza lasciar trapelare alcun fastidio per il fatto di essere stato interrotto. Eppure lo sapevo bene che quando lavorava nel suo studio ci teneva molto a non essere disturbato. Ma ora davanti a lui c'era un ragazzo madido di sudore (...) Gesticolava convulsamente come a sottolineare l'urgenza (...) "Cosa … Leggi tutto Mikael Niemi | Cucinare un orso