Guillem López | Challenger

Gli astronauti sono a bordo, in attesa. Cosa si aspettano? Quali pensieri navigano nei loro silenzi? Raccomandazioni dell’infanzia impresse nella memoria? C’è spazio per quell’istante sacro, unico, dedicato a un pensiero metafisico, al significato epico dell’esser lanciati fuori da questa sfera che galleggia nel vuoto, così piccola, così triste? (…) La paura assale anche gli esploratori dello spazio che intraprendono un viaggio verso l’ignoto, verso un luogo in cui soltanto pochi uomini e donne sono stati. Ma la loro non è una paura comune e mortale, è la vertigine di affacciarsi sull’infinito [Guillem López, Challenger, trad. F. Bianchi]

Cape Canaveral, U.S., 28 gennaio 1986. Mancano pochissimi secondi al lancio dello Space Shuttle Challenger e le aspettative di moltissimi americani, giovani e vecchi, sono alle stelle. Dopo diversi ritardi, dovuti a complicazioni tecniche, sembra che tutto sia pronto ed è esattamente alle ore 11.38 a.m. che partono il count down e il lancio vero e proprio.

Settantatré secondi. Trascorrono settantatré secondi dal lancio al momento in cui il Challanger, raggiunti circa tredici chilometri di altezza esplode improvvisamente, collassando su se stesso e scomparendo in una nube bianchissima di fumo. Chi ha assistito alla diretta televisiva o al lancio dalle tribune di Cape Canaveral è sotto choc; c’è chi piange, chi resta senza parole, chi è incredulo.

La cosa più probabile è che sia stata una concatenazione di coincidenze minime a generare un errore nel sistema. Succede anche nella vita, cose piccolissime, inspiegabili, a volte perfino magiche, che scatenano gli eventi più comuni e anche quelli eccezionali. Può sembrare assurdo, ma per ogni cosa esiste un punto di flesso, un luogo in cui l’equilibrio diventa caos e i risultati, le formule, la logica, vanno a farsi friggere; è come lo scarico dell’universo, un vortice che gira e trascina nel vuoto dell’incomprensione qualsiasi ipotesi, qualsiasi regola. Il luogo che ogni scienziato detesta [Guillem López, Challenger, trad. F. Bianchi]

Il romanzo “Challenger” di Guillem López (Eris Edizioni, trad. Francesca Bianchi, ill. Sonny Partipilo, 404 pagine, 20 €) racconta in settantatré brevi episodi la giornata del 28 gennaio 1986, tutti ambientati tra la città di Miami e l’isola di Merritt, dove sorge il complesso di Cape Canaveral.

Il corposo romanzo dello spagnolo López è un universo di personaggi, dove non sono solo esseri umani a raccontare quel giorno, ma hanno voce anche rane di porcellana, insetti disgustosi, tempeste magnetiche, mostri delle fogne. Nel libro López fa vivere e rivivere infinite volte il momento dell’esplosione del Challenger oppure le ore precedenti o quelli successivi, quando i protagonisti – scioccati – si rendono conto della terribile tragedia. L’idea di ripetere infinte volte l’attimo dell’incidente – ogni personaggio si trova in un punto diverso di Miami e sta facendo cose diverse – è un espediente decisamente televisivo: quante volte, dopo una tragedia o un attentato, vediamo trasmesse in televisione, in modo quasi ossessivo, le stesse identiche immagini? Come se dovessimo per forza imprimerle a mente, come dovessimo ricordarle per sempre.

Se all’inizio il romanzo può sembrare un vero rompicapo – complice il fatto che sfugge ad ogni genere letterario -, perché vengono introdotti molti personaggi che appaiono sconnessi l’uno con l’altro, procedendo con la lettura ci si rende conto di quante ricche interconnessioni siano presenti. Si scoprono i rapporti tra un protagonista e l’altro, si rivelano dettagli per comprendere un evento già citato. E quindi si torna indietro, nei capitoli precedenti, si scruta la bellissima mappa che Eris edizioni ha allegato al romanzo, si cerca quella connessione, il filo conduttore per cercare di comprendere il più possibile il senso di quella giornata.

Quello che mi è piaciuto di “Challenger“, oltre all’idea in sé di raccontare il giorno del disastro attraverso settantatré episodi e innumerevoli persone o mostri o cose, è il fatto che all’improvviso – come fulmini a ciel sereno – López incanta chi legge con pensieri e riflessioni tanto profonde quanto preziose. Immagini da sottolineare e rileggere, da riscrivere su un taccuino e aprirlo a caso, in una giornata in cui abbiamo bisogno più del solito di parole; López ha una scrittura attenta ai dettagli ma ancor di più alle emozioni.

Se non vi ho ancora convinti della genialità di questo romanzo, potrebbe farlo il capitolo finale, il #73, quello affidato al Challenger stesso, che è quanto di più bello io abbia letto da qualche anno a questa parte.

Settantatré secondi. Sono successe molte cose, frammenti sparsi, caotici. Cose che sono strettamente legate a questa storia, anche se sono successe in altri posti, in altri momenti. E’ una cosa complicata che dipende, come tutto ciò che è complicato, dalla fede e dall’immaginazione. Cercare il bandolo della matassa in fondo ai cassetti, nelle tasche vuote, nelle conversazioni più insignificanti, nelle battaglie di guerre passate, negli uomini malvagi e nei santi, in Dio e nei suoi testi sacri scritti da apologeti del dolore e della tortura, annusare la terra umida fino a trovare la fossa comune della felicità, della pace, della compassione. Essere uomini nuovi in un mondo nuovo, troppo nuovo, troppo giovane. L’ambizione è il combustibile sacro che mette in moto ogni cosa. Il desiderio di essere migliori, di essere un’immagine divina [Guillem López, Challenger, trad. F. Bianchi]

Titolo: Challenger
L’Autore: Guillem López
Traduzione dallo spagnolo: Francesca Bianchi
Illustrazioni: Sonny Partipilo
Editore: Eris edizioni
Perché leggerlo: perché Guillem López ha creato un universo, un romanzo che sfugge ad ogni definizione ma che conquista ed echeggia nella mente del lettore come le innumerevoli volte che il Challenger è esploso

(© Riproduzione riservata)