In viaggio con i libri | Le Cinque Terre, tra poesia e fotografia

La nuova puntata della rubrica “In viaggio con i libri” vi porta alla scoperta delle Cinque Terre, cinque piccoli borghi arroccati a picco sul mare in Liguria. Ho scelto di raccontare le Cinque Terre perché le ho visitate in tre occasioni differenti, sempre in settembre; e ho scelto di parlare di questi piccoli paesini dalle casette colorate perché essi non affascinano solo me, ma conquistarono anche il cuore e la penna di Eugenio Montale, poeta genovese Premio Nobel per la Letteratura.

Quindi partiamo alla volta di Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, accompagnati dai versi di Eugenio Montale e dalle mie fotografie, e da qualche piccolo consiglio per organizzare un ottimo soggiorno in questo lembo di spezzino.

osssi

Ascoltami, i poeti laureati
si muovono soltanto fra le piante
dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.
lo, per me, amo le strade che riescono agli erbosi
fossi dove in pozzanghere
mezzo seccate agguantanoi ragazzi
qualche sparuta anguilla:
le viuzze che seguono i ciglioni,
discendono tra i ciuffi delle canne
e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.

La zona del Golfo di La Spezia è anche definita Golfo dei Poeti, perché oltre Montale, soggiornarono qui e si innamorarono di questi luoghi anche i poeti inglesi Lord Byron e Percy Shelley. Negli anni dell’infanzia Eugenio Montale trascorse a Monterosso al Mare parte delle sue vacanze, in una villa in stile Liberty di proprietà dei genitori. Le estati a Monterosso costituiscono per il poeta un periodo formativo molto intenso, ma che “ha anche costituito l’avvio all’introversione e all’imprigionamento nel cosmo”. Tra le poesie più legate ai paesi delle Cinque Terre, oltre alla già in parte citata “I limoni“, vi sono anche “La casa dei doganieri” e “Punta del Mesco“.

Quindi per il nostro viaggio, partiamo proprio da Monterosso al Mare.

Qualche indicazione generale per arrivare alle Cinque Terre… La prima volta arrivai qui con una gita di una sola giornata, mentre le altre due volte soggiornai e una volta arrivai in auto e una volta in treno. Sicuramente il mezzo migliore per arrivare alle Cinque Terre e girare è il treno. Esistono degli abbonamenti giornalieri per i treni ad alta frequenza che permettono di visitare tutti i paesini. Sconsiglio il pullman e la macchina perché le strade sono molto strette, il parcheggio è poco e a pagamento.

Cartoline da Monterosso al Mare

A Monterosso al Mare è sicuramente rilassante passeggiare lungo le strette viuzze, stupirsi dei panorami, degli angoli inaspettati e delle casette curiosamente decorate con le conchiglie. La Chiesa di Monterosso al Mare, fedele allo stile genovese, è ovviamente a striscie bianche e nere.

monterosso 2

Le case decorate di reti di pescatori e conchiglie sono davvero romantiche.

monterosso 3

Il tramonto lungo la marina è qualcosa che mi resta sempre nel cuore. Io amo le spiagge soprattutto quando cala il sole, perché la gente corre via, è vero inizia a far freddo, ma a me piace la pace, la tranquillità e mi piace restare da sola di fronte alle onde che s’infrangono nella battigia.

montero 4
Cartoline da Vernazza

Vernazza è il secondo paesino che si incontra verso est dopo Monterosso al Mare. Anch’esso è un concentrato di colore, casette a picco sul mare, spiaggie minuscole e onde che si infrangono sugli scogli bucherellati dalla salsedine.

vermi

Salendo verso i ruderi della Torre di Vernazza il percorso è disseminato da piante grasse, impossibile non meravigliarsi di fronte a tanta perfezione!

vermi2

Cartoline da Corniglia

Appena dopo Vernazza, ecco Corniglia, paese arroccato su una rupe, unico senza una spiaggia direttamente nel centro del paese (si può arrivare nella spiaggia di Corniglia ma… allenate i polpacci, ci sono parecchi gradini!). Dall’altura di Corniglia la vista è splendida e con uno sguardo si coglie un ampio raggio di panorama, il tutto condito da piccoli e deliziosi fiorellini lilla.

corni

E non è raro incontrare graziosi felini sonnecchianti…

corni cat

Cartoline da Manarola

Da Corniglia fino a Riomaggiore (facendo tappa a Manarola) ci sono andata a piedi lungo un sentiero a picco sul mare. E’ un’esperienza unica, multisensoriale e poco faticosa poiché il percorso è pressoché in piano, adatto quindi a tutti. Si arriva a Manarola, borgo colorato e gioioso, sempre affollato di turisti nelle sue strette vie caratterizzate dalla presenza di banchi e oggetistica.

manni

I colorati mercatini di Manarola.

manni2

manni3

Cartoline da Riomaggiore

Infine, Riomaggiore, il paese che io amo di più. E’ il paese che sento più affine, più simile a me, con quelle casette coloratissime che guardano il mare, quelle bandierine colorate che sventolano alla brezza carica di salsedine.

rio

rio3

La strada da Manarola a Riomaggiore è molto breve e si chiama “Sentiero dell’Amore“.

rio2

Bisogna venire alle Cinque Terre per leggere e rileggere le poesie di Montale, per coglierne ogni sfumatura mentre il vento sferza i capelli e il sole pian piano di dilegua all’orizzonte. Portarsi il libro tra le mani, sedersi all’ombra di una bouganville, un angolo tranquillo che ha ancora quel senso poetico particolare. Solo così si potranno apprezzare l’asprezza delle Cinque Terre, l’azzurro del suo mare, il verde delle sue colline, i colori delle sue mille casette pastello.

Portami il girasole ch’io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l’ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità delle cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.

Monterosso 1

Annunci

In viaggio con i libri | Costa Azzurra e Provenza

In viaggio con i libri è una rubrica che non aggiornavo da un po’ e credo che sia venuto il momento di metterci mano; ricomincio parlando del primo viaggio che ho fatto nel maggio del 2014: un bellissimo week end in Costa Azzura (Francia) dove si respirava già un preludio d’estate, dove in spiaggia iniziavano a spuntare teli colorati e qualche temerario si buttava in acqua. Questo angolo di Francia, così comodo da raggiungere per chi abita in Piemonte come me, mi è piaciuto moltissimo, ad iniziare dai profumi e dai colori, e poi ovviamente per la sua storia: sono stati molti gli artisti che sono vissuti o son passati di qui. In questa puntata della rubrica, dopo le informazioni generali, descriverò attraverso le immagini alcuni posti che ho visitato.

Informazioni generali

La destinazione scelta come base d’appoggio è l’Hotel Miramar a Cap d’Antibes, proprio al termine del promontorio, in una zona residenziale molto tranquilla a pochi passi dalla spiaggia de La Garoupe. L’hotel è stato selezionato su Booking ma prenotato da me direttamente tramite mail della struttura. La guida scelta per organizzare il viaggio è il volume “Provenza e Costa Azzurra” della collezione della Lonely Planet. Il tempo è stato eccezionale, tre giorni di sole e cielo blu come un cristallo, durante il giorno si stava comodamente in maniche corte, mentre per la sera era necessaria una giacca. Lettura consigliata prima di partire per il viaggio: La lista di Lisette di Susan Vreeland.

costa azzurra

Île Sainte-Marguerite, il mistero della Maschera di Ferro

L’isola di Santa Margherita è la maggiore delle Isole di Lerino, di fronte a Cannes. Questo fu il luogo di reclusione del leggendario Uomo con la Maschera di Ferro. Separata dal continente da un braccio di mare lungo poco più di un chilometro, l’isola è ricoperta da boschi di eucalipti più antichi d’Europa.

1

Il Fort Royal fu voluto da Richelieu e usato come prigione di Stato. Al seguito della Rivoluzione Francese divenne prigione militare. Il Forte ospita il Museo del Mare, uno spazio ricco di reperti archeologici recuperati nelle acque del Golfo di Juan. La cella ove fu rinchiusa la Maschera di Ferro è visitabile.

2

Un efficiente e comodo servizio di traghetti collega Juan Les Pins all’isola di Santa Margherita.

3

Antibes “qui tutto splende, tutto fiorisce, tutto canta”

Ho usato le parole di Victor Hugo per descrivere la città di Antibes, piccola gemma affacciata sul Mar Mediterraneo. Ad Antibes si può scegliere se impostare una vacanza basata sul divertimento – i locali sono moltissimi e le spiagge sono una più bella dell’altra – oppure una vacanza culturale. In città si trova il Museo Picasso nel Castello Grimaldi, che ho potuto visitare gratuitamente in occasione della Notte Europea dei Musei insieme al Museo Archeologico.

4

Ad Antibes soggiornarono molti artisti famosi, come Claude Monet e Paul Signac, oltre ovviamente a Pablo Picasso.

5

Saint-Paul-de-Vence, l’amato paesello di Marc Chagall

A volte vedo come tutto si incastra perfettamente e noto con immenso piacere quanto mi piaccia. A Saint-Paul-de-Vence ci sono stata sia perché avevo letto che si tratta di un paese bellissimo – ed è vero! – sia perché il famoso pittore Marc Chagall, che apprezzo molto, trascorse qui gli ultimi anni della sua vita e volevo rendergli omaggio facendo un salto al cimitero.

7

Saint-Paul-de-Vence, di cui ho già parlato sul blog, è un grazioso paesino arroccato su una rupe dalla quale di può vedere il mare e le Gorge du Verdon. Insomma, un luogo unico, caratteristico e bellissimo, che mi sento di consigliare a chi andrà in viaggio da quelle parti.

2-saintpaul

Mandelieu-la-Napoule, un castello sulla spiaggia

Il paesino di Mandelieu-la-Napoule è caratteristico per il castello che si affaccia sul mare cristallino.

6

Da qui passa anche il Sentier du Littoral, il lungo percorso che arriva fino a Marsiglia.

8

Cap d’Antibes passeggiando a picco sul mare

Tra Antibes e Juan les Pins si estende il promontorio di Cap d’Antibes, dove lo scrittore Francis Scott Fitzerald ambientò parte del suo romanzo “Tenera è la notte“. Qui sorgono alcuni tra i più esclusivi hotel del mondo, come l’Eden Rock, citato anche dallo scrittore americano. Molto suggestiva è la passeggiata a piedi sul litorale del Cap che inizia dalla spiaggia de La Garoupe, di cui ho già parlato nel post dedicato al Sentier du Littoral.

20140518_111601_

Questo angolo di Francia è davvero incantevole e non stento a credere che molti artisti e scrittori soggiornando o passando di qui abbiano tratto ispirazione per le proprie opere!