Sudamerica A/R: viaggio in tappe in compagnia delle voci femminili sudamericane

Nel corso della mia carriera di lettrice ho letto parecchia letteratura straniera, saltellando qua e là in ogni angolo del globo, passando da un luogo all’altro talvolta senza un’apparente logica, seguendo l’ispirazione del momento.

L’idea di realizzare e seguire un percorso di lettura mi è sempre piaciuta e ora ho deciso di mettermi alla prova e di lanciarmi una sfida: ho deciso di intraprendere un viaggio in tappe guidata dalle voci femminili della letteratura sudamericana.

Ora vi illustro il mio progetto: è chiaro che possiate unirvi, senza rispettare nessuna tempistica ma seguendo i vostri tempi di lettura; potete liberamente scegliere i testi che suggerisco io oppure potete seguire il vostro gusto personale e leggere autrici sudamericane che vi ispirano maggiormente. Potete anche rileggere dei libri che avete già letto o avete nella vostra libreria: a distanza di tempo troverete sicuramente nuovi spunti e ispirazioni.

Se siete pronti, vi svelo come funziona il mio percorso di lettura e quali saranno le mie tappe! Partiamo!

Perché il Sudamerica?

Ho scelto di dedicare alle scrittrici sudamericane il mio primo percorso di lettura perché mi sono accorta che leggo relativamente poca letteratura proveniente da queste parti, sebbene in passato abbia letto diversi romanzi e racconti molto affascinanti – uno su tutti, “La casa degli spiriti” di Isabel Allende, un capolavoro.

Perché le voci femminili del Sudamerica?

Perché in realtà non ho mai fatto caso se leggessi più libri scritti da uomini o donne, ma probabilmente – in modo inconsapevole – leggo più libri scritti dal genere maschile; quindi mi è sembrato interessante viaggiare e farmi raccontare il Sudamerica dalle donne.

Quali saranno le tappe del viaggio?

Dal Messico in giù, passando per l’America centrale fino all’estremo Sud dell’Argentina. Attraverserò regioni molto diverse tra loro per storia, cultura e società.

*

Tappa in Messico

Libro scelto: “La figlia unica” di Guadalupe Nettel (trad. F. Niola, la Nuova Frontiera)
Informazioni sull’Autrice: Guadalupe Nettel è nata a Città del Messico nel 1973. Nella sua carriera ha ricevuto diversi riconoscimenti tra i quali il premio franco-messicano Antonin Artaud (2008), il premio tedesco Anna Seghers (2009) e il Premio de narrativa breve Ribera del Duero (2013). In italiano, le sue opere sono pubblicate da Einaudi e la Nuova Frontiera
Tematiche trattate: nel romanzo, l’Autrice indaga con grande successo i diversi aspetti della maternità – o della non-maternità – e lo fa consegnandoci romanzo intenso e ricco di riflessioni sull’amore, sull’amicizia e sul rapporto tra genitori e figli; sull’essere madri o non esserlo; sul fatto che quasi sempre i figli non sono come li abbiamo immaginati; sulla disabilità e sulla sua – mai facile o scontata – accettazione.

Libro scelto: “Il problema dei tre corpi” di Aniela Rodríguez (trad. A. Rubino, gran vía edizioni)
Informazioni sull’Autrice:  nata a Chihuahua, Messico, nel 1992. Con la sua prima raccolta di racconti, El confeccionador de deseos, ha ottenuto il Premio Chihuahua de Literatura 2013, mentre nel 2016 Il problema dei tre corpi si è aggiudicato il Premio Nacional de Cuento Joven Comala. Aniela Rodríguez è anche autrice del libro di poesie Insurgencia (2014). Nel 2021 Aniela Rodríguez è stata inserita nella nuova selezione della prestigiosa rivista Granta dei 25 migliori giovani scrittori in lingua spagnola.
Tematiche trattate: i nove racconti di Aniela Rodríguez parlano di un Messico dove il disagio e le difficoltà sono quotidiane. I personaggi delle sue storie si trovano in situazioni complesse, troppo spesso senza via di fuga se non la realizzazione di un’azione violenta e definitiva. I corpi dei protagonisti la fanno da padrona: sono corpi menomati, malati, distrutti, rotti, morti o uccisi in modo violento. Loro stessi, i personaggi, si muovono in questo clima di incertezza e terrore, senza badarci troppo, ma sempre con lo spirito inquieto e con il terrore di fare il prossimo passo.

*

Tappa in Colombia

Libro scelto:Gli azzardi del corpo” di Marìa Ospina Pizano (trad. A. Sbadella, Edicola Ediciones)
Informazioni sull’Autrice: nata a Bogotá negli anni Settanta, Marìa Ospina Pizano insegna cinema e letteratura latinoamericana negli Stati Uniti. Critica culturale, si è spesa per approfondire i temi della memoria, del territorio e della violenza
Tematiche trattate: nei sei racconti della scrittrice colombiana, tradotti per la prima volta in italiano, i protagonisti sono i corpi delle donne, che cercano di salvarsi, di cambiare, di svoltare; sullo sfondo c’è una Bogotá caotica e attraversata da diseguaglianze sociali e per raccontare questo complesso la scrittrice sceglie appunto di utilizzare i corpi di donne molto diverse tra loro, per estrazione sociale e per contesto generale

*

Tappa in Brasile

Libro scelto: “La libertà è un passero blu” di Heloneida Studart (trad. A. Di Munno, marcos y marcos)
Informazioni sull’Autrice: nata negli anni Trenta nel Nordest del Brasile, Heloneida Studart trascorse la sua vita a combattere battaglie per i diritti delle donne brasiliane, incarnando l’ideale femminista della donna forte e generosa
Tematiche trattate: nel suo romanzo “La libertà è un passero blu” la Studart racconta la storia della famiglia di Marina, una ragazza asmatica e deboluccia che al contrario dei suoi famigliari non vive nel terrore della nonna centenaria. Marina scopre il mondo con João finché lui non scrive su un muro che il passero è un uccello blu e viene incarcerato. Per Marina, però, l’amore non può essere imprigionato

*

Tappa in Cile

Libro scelto: “Album di famiglia” di Sara Bertrand (trad. M. Galassi, Albe edizioni)
Informazioni sull’Autrice: Sara Bertrand vive e lavora in Cile, dove ha studiato storia e giornalismo e dove insegna ai ragazzi. Nota come scrittrice per giovani, conduce anche un programma radiofonico.
Tematiche trattate: prima opera della Bertrand ad essere tradotta in italiano, racconta come un gruppo di bambini e ragazzini crescono mentre nel loro paese prende piede una spietata dittatura. La spensieratezza della gioventù lascia il posto alla presa di coscienza e alla maturazione personale. La protagonista del romanzo rievoca la sua infanzia per salvare la memoria del passato.

*

Photo by Sifan Liu on Unsplash

Tappa in Argentina

Libro scelto: Aparecida di Marta Dillon (trad. C. Cattarulla, gran vía edizioni)
Informazioni sull’Autrice: Marta Dillon è nata a Buenos Aires nel 1966. Giornalista e sceneggiatrice, autrice di programmi televisivi e documentari, ha al suo attivo diversi libri, tra cui Vivir con virus. Relatos de la vida cotidiana (2004) e Corazones cautivos. La vida en la cárcel de mujeres (2008). Scrive per il quotidiano argentino «Página/12», di cui dirige il supplemento «Las12». Si occupa da sempre di femminismo e questioni di genere, e nel 2015 è stata una delle promotrici del movimento “Ni una menos”
Tematiche trattate: Marta Dillon è in Europa con la compagna e il figlio quando le giunge da Buenos Aires una chiamta dall’Équipe Argentina di Antropologia Forense: sono stati determinati alcuni resti trovati in una fossa comune, si tratta delle ossa della madre, l’avvocata e militante Marta Taboada, sequestrata nella sua casa di Moreno, provincia di Buenos Aires, il 28 ottobre del 1976 di fronte ai quattro figli e desaparecida fino a quel momento. Da questo punto in avanti, prendono il via i ricordi di Marta, ricordi del prima e del dopo la notte del sequestro della madre.

*

Ora che vi ho raccontato del mio progetto di lettura, non mi resta che iniziare il lungo viaggio attraverso il Sudamerica. Sul blog la recensione del libro letto per ogni tappa!

Se avete piacere di unirvi al mio viaggio, commentate l’articolo oppure seguitemi sulla pagina Facebook “Il giro del mondo attraverso i libri“. A presto!

8 pensieri su “Sudamerica A/R: viaggio in tappe in compagnia delle voci femminili sudamericane

  1. ilmestieredileggereblog ha detto:

    Un bellissimo progetto!! Come sai, la letteratura latino americana mi prende molto…. in particolare quella al femminile. Per cui mi unisco molto volentieri a questo viaggio e accolgo i tuoi suggerimenti, che sono molto interessanti.

    Se posso, vorrei suggerire un libro e una autrice cilena che apprezzo molto: Il sistema del tatto, di Alejandra Costamagna, edito da Edicola Ediciones.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.