Un anno in viaggio (grazie ai libri)

I sogni di chi viaggia sono i più facili da decifrare“. Ciò che avete appena letto è tratto da “Trans Europa Express” di Paolo Rumiz, pubblicato da Feltrinelli; detta frase mi riassume in modo pressoché perfetto: il viaggio per me inizia con un sogno, tanto intenso quanto semplice da raccontare a chi ha cuore e mente aperti.

Mi ritengo molto fortunata perché nei dodici mesi appena trascorsi ho potuto viaggiare. Ho potuto viaggiare per davvero, salire su un aereo a febbraio e raggiungere la tanto sognata Romania e partire in auto ad agosto per raggiungere il lago Balaton in Ungheria attraversando la Slovenia. Nel frattempo, sono stata al mare e in montagna vicino casa, riscoprendo le bellezze a due passi da me.

Ma è grazie ai libri che ho viaggiato quest’anno, come immagino sia accaduto a molte lettrici e molti lettori. In questo articolo vi racconto di dodici viaggi che ho compiuto negli scorsi dodici mesi grazie alle letture; ogni mese viene legato ad un libro, il quale si focalizza su una o più località.

Allacciamo le cinture: si parte!

*

Gennaio, in Sudamerica in motocicletta con Ernesto e Alberto

Ernesto e Alberto sono due giovani studenti di Medicina che decidono di partire per un lungo viaggio attraverso il Sudamerica nel dicembre del 1951. In sella alla Poderosa, la loro motocicletta, partono da Córdoba, Argentina, animati da un invidiabile entusiasmo giovanile, per attraversare e conoscere quanti più Paesi sudamericani possibili.

Se deciderete di partire con Ernesto e Alberto tornerete cambiati. E ricoperti di polvere.

Scopri il libro!

*

Febbraio, nell’Europa dell’Est con Paolo Rumiz

È Oriente” di Paolo Rumiz è una raccolta di sei viaggi lenti vissuti dall’autore dalla fine degli Anni Novanta ai primi del Duemila. Con la tipica scrittura che ricalca una poesia in prosa, nei brevi reportage di viaggio Rumiz è manifesto tutto il suo affetto verso l’Europa.

Se deciderete di partire con Rumiz, sappiate che vi innamorerete perdutamente di un pezzo d’Europa troppo spesso ignorato.

Scopri il libro!

*

Marzo, alle origini delle pandemie con David Quammen

In compagnia di David Quammen viaggiamo in ogni angolo del mondo – dall’Australia agli Stati Uniti, passando per l’Africa e la Cina – per comprendere le origini e la diffusione di una serie di zoonosi sviluppatesi negli ultimi anni. 

Se partirete con Quammen vi ritroverete nella giungla africana, nelle pianure desertiche dell’Australia, nei laboratori di massima sicurezza americani o nei terribili mercati di animali vivi in Cina. Vi spaventerete, ma capirete molto del mondo in cui viviamo.

Scopri il libro!

*

Aprile, viaggiando in lungo e in largo nell’Unione Sovietica con Ryzard Kapuściński

La grandezza di questo reportage sta nel fatto che Kapuściński conduce il lettore attraverso un lunghissimo viaggio spaziotemporale, polifonico, all’interno di una realtà che non esiste più, l’Unione Sovietica; regala ai posteri un documento di notevole importanza, perché la sua è una testimonianza viva e diretta, appassionata e accorta, di emozioni e sensazioni vissute sulla propria pelle, prima e durante la caduta del grande Impero sovietico.

Se partirete con Kapuściński vi ritroverete incuriositi riguardo all’Unione Sovietica e cercherete di saperne di più leggendo sempre più testi.

Scopri il libro!

*

Maggio, alla scoperta della selvaggia Tracia con Kapka Kassabova

La regione della Tracia si trova nella porzione sud-orientale della penisola balcanica e oggi è tagliata da tre confini: GreciaBulgaria e Turchia. La Kassabova racconta leggende, aneddoti, fatti legati a queste terre ancora oggi molto impervie e misteriose. Luoghi dove sono ancora possibili grandi avventure e scoperte.

Se partirete con Kapka Kassabova vi ritroverete nelle terre più selvagge e inesplorate dell’Europa orientale.

Scopri il libro!

*

Giugno, in bici nei Balcani con Lorenzo Gambetta

Talvolta un viaggio inizia grazie alle proprie passioni. Lorenzo ne ha due: la bicicletta e i Balcani. Così, dopo aver coinvolto altri due amici amanti delle mezzo a due ruote, si avventura per la prima volta nei Balcani con la bicicletta. Perché i tre amici scelgono proprio questo mezzo di trasporto?

Se partirete con Lorenzo e i suoi amici vi serviranno fiato e gambe, perché ci sarà da pedalare. Il premio? Vivere avventure emozionanti e struggenti nel cuore dei Balcani!

Scopri il libro!

*

Luglio, come stanno i ghiacciai in Islanda? Ce lo racconta Andri Snær Magnason

Andri Snær Magnason scrive una brillante riflessione sull’ambiente, sul tempo e sul futuro del pianeta Terra, intessendo ricordi famigliari, interviste a personaggi in prima linea nella lotta per i diritti dell’ambiente e appunti derivanti dalle suoi pensieri scaturiti in numerosi viaggi in Islanda e in giro per il mondo.

Se partirete con Andri Snær Magnason verrete portati principalmente in Islanda, ma toccherete anche molte altre destinazioni. Sarà un viaggio dove rifletterete molto, ma probabilmente tornerete a casa con più domande che risposte.

Scopri il libro!

*

Agosto, in giro per il mondo con Eleonora Sacco

Che cosa si racconta in “Piccolo alfabeto per viaggiatori selvatici“? Di luoghi, certo, ma soprattutto di emozioni che i viaggi suscitano, di persone, di incontri casuali o ricercati, di storia, di aneddoti, di parole e della loro origine. Eleonora volge il suo sguardo principalmente verso Est, perché è seguendo questo punto cardinale che ha capito chi è e che cosa vuole dalla vita. Le sue esplorazioni: Europa classica, Europa Orientale, Caucaso, Asia Centrale e soprattutto Russia.

Se partirete con Eleonora, il viaggio sarà certamente spartano, ma ricco di incontri ed emozioni.

Scopri il libro!

*

Settembre, scalando l’Ararat con Frank Westerman

Frank Westerman firma un romanzo-reportage a tutto tondo interessante e intrigante poiché affronta diverse tematiche relative ad una delle più simboliche montagne al mondo, l’Ararat. Vetta turca alta 5.165 metri, montagna sacra per tre delle maggiori religioni monoteiste al mondo, cima difficile da scalare, silenzioso teatro della guerriglia tra curdi e turchi.

Se partirete con Westerman preparatevi all’immersione più totale nella cultura religiosa, storica e politica di una delle montagne più contese al mondo.

Scopri il libro!

*

Ottobre, in viaggio per il mondo per scoprire come stanno le donne con Joni Seager

La geografa Joni Seager ci consegna un interessante e ricco libro che fotografa, con dovizia di particolari e con estrema precisione, la situazione delle donne nel mondo. Nascere donna è una questione di geografia: può rivelarsi una condanna anziché una gioia.

Se partirete con Joni Seager, il vostro viaggio toccherà quasi tutti i Paesi del globo e non potrete non emozionarvi – o arrabbiarvi – nello scoprire come molte bambine, ragazze e donne ancora oggi vivono le ingiustizie del mondo.

Scopri il libro!

*

Novembre, alla scoperta della Turchia: storia, società, politica e cultura

Cosa trovate nella monografia “Turchia“? Mappe, cartine, info grafiche, articoli scritti da autori sia turchi che di altre nazionalità; i contributi dell’Associazione Kaleydoskop – che promuove il mondo turco in Italia; consigli di lettura; playlist di musica turca e tante, tantissime, bellissime fotografie di Nicola Zolin. Leggerete di politica, storia, archeologia, società e cultura in generale. Una raccolta imperdibile per chi ama il mondo turco e sogna di (ri)vedere la Turchia.

Se partirete con gli autori che hanno contribuito alla monografia sulla Turchia, vivrete un viaggio a tutto tondo e vi ritroverete a sognare di vedere con i vostri occhi questi luoghi.

Scopri il libro!

*

Dicembre, in viaggio per la salvezza con Jan Brokken

I viaggi narrati da Jan Brokken sono tanto forti quanto reali. Si tratta di viaggi compiuti da profughi ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale, con il fine ultimo di salvarsi dalla furia nazista. La grandiosa opera di salvataggio è stata ideata dai consoli olandesi che operarono in Lituania e in Giappone durante il secondo conflitto mondiale.

Se partirete con Jan Brokken preparatevi a rocambolesche avventure: da Kaunas, Lituania, attraverserete l’intera Unione Sovietica a bordo della Transiberiana, per poi imbarcarvi a Vladivostok per Kobe, Giappone. E da lì, chissà, chissà quale sarà il vostro destino…

Scopri il libro!

*

Grazie alle letture ho visitato con la fantasia innumerevoli luoghi, in particolare europei – il mio continente d’elezione – e ho potuto continuare a sognare i viaggi futuri.

Quest’ultima affermazione mi vede convinta: io sto sognando viaggi futuri, io sono ottimista verso il futuro, io voglio credere che prima o poi salirò nuovamente su un aereo, o un treno, o un’automobile, con la bussola puntata verso Est, o verso Nord, con l’obiettivo di vivere nuove avventure.

Quali sono i libri che vi hanno fatto viaggiare in questo strano 2020? Raccontatemelo nei commenti, vi leggo volentieri.

4 pensieri su “Un anno in viaggio (grazie ai libri)

  1. lisecharmel ha detto:

    quanti spunti interessanti! E’ Oriente l’ho messo in wishlist.
    i libri che mi hanno fatto viaggiare nel 2020 sono stati: Galizia di Martin Pollack (un viaggio anche nel tempo, nella regione chiamata Galizia che faceva parte dell’Impero austro-ungarico), il Grande Gioco di Peter Hopkirk (la storia dello spionaggio in Asia Centrale nell’Ottocento tra Impero britannico e Russia), Passaggio a Teheran di Vita Sackville West e In vespa di Bettinelli. Di questi due ultimi ho parlato anche sul blog, mentre il post de Il grande gioco è ancora nelle bozze…
    adesso sto viaggiando sull’Orient Express verso Costantinopoli con Il treno per Istanbul di Graham Greene e penso proprio che anche questo lo racconterò perché mi sta piacendo molto.

    Piace a 1 persona

  2. ilmestieredileggereblog ha detto:

    Bellissimo post!!! Come sai, seguo sempre il tuo blog, che è un’ottima fonte di ispirazione. Io quest’anno ho viaggiato solo con i libri, però sono fortunata perché trascorro ssempre i tre mesi estivi in Toscana, a casa mia ed è bellissimo.
    Ho letto tanti libri che mi hanno fatto viaggiare. Ne cito solo tre, per non intasare lo spazio…
    Viagginversi di Valeria Gentile
    La frontiera di Erika Fatland

    E Dirt music di Tim Winton che mi ha portata in Australia.

    Speriamo di tornare presto a viaggiare!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.