Carmen Korn | Aria di novità

“Se dovessi riscrivere la tua via in bella copia, faresti delle correzioni?” aveva domandato Henny a Käthe.
“Oh, sì, parecchie. L’aborto, il Partito Comunista… il mio Rudi, no, lui me lo terrei così com’è. Ernst invece è un personaggio di cui avrei fatto volentieri a meno” (…) “Ma senza Ernst non ci sarebbe Klaus”. E come sarebbero andate le cose se, tanti anni prima, avesse creduto nelle buone intenzioni del giovane dottor Unger? Allora non avrebbe sposato Lud, non sarebbe nata Marike. Non si sarebbe certo riposata con Ernst e non sarebbe nato Klaus. Magari però Theo avrebbe avuto dei figli suoi (…) La vita procede per vie contorte e vicoli ciechi, e spesso i tesori più preziosi li troviamo lungo una strada diversa da quella che avevamo deciso di imboccare [Aria di novità, Carmen Korn, trad. M. Francescon]

Amburgo, 1970. Gli eventi legati alla seconda guerra mondiale sono ormai un ricordo, ma da qualche anno la Germania è divisa in due parti e la capitale Berlino è vergognosamente divisa da un muro che impedisce il libero passaggio delle persone.

In “Aria di novità“, volume conclusivo della trilogia nata dalla penna di Carmen Korn, ritroviamo tutti i personaggi descritti nei precedenti volumi (“Figlie di una nuova era” e “È tempo di ricominciare“), con l’aggiunta di altri protagonisti che via via giungono a popolare questa grande famiglia allargata, spesso legata da vincoli affettivi più che famigliari.

Nell’ultimo romanzo vengono narrati gli eventi che coinvolgono le famiglie dal 1970 al 1999, l’attimo prima dell’inizio del nuovo millenio. Capisaldi delle famiglie sono Henny, Käthe, Lina e Ida, ormai donne mature, quelle che furono le ragazze piene di sogni e speranze che si trovarono a dover vivere nella Germania tra le due guerre e a sperimentare gli orrori del secondo conflitto mondiale.

Henny è felicemente sposata con Theo Unger, che ormai si considera nonno dei nipoti di Henny, tutti ragazzi pressoché perfetti. Käthe è ancora innamorata del suo Rudi, ma la loro figlia adottiva Ruth sta per prendere una brutta strada. Ida ammira sua figlia Florentine, modella ormai affermata, divisa tra la Germania e il resto del mondo. Infine Lina, che combatte senza vincere, contro le brutte dipendenze della compagna Louise.

Mentre gli anni passano, nascono nuovi bambini e purtroppo vengono a mancare i membri più anziani delle famiglie. Sullo sfondo, oltre alla questione delle due Germanie, ecco la guerra in Vietnam, la crisi in Libano, le guerre nei Balcani e – finalmente – la caduta del muro di Berlino.

Alsterblick Hamburg.jpg

Aria di novità” è molto denso di personaggi, avvenimenti ed eventi; spesso viene cambiato repentinamente il punto di vista, come già capitava nei primi due volumi, ma all’epoca i personaggi e le trame erano meno intricate e complicate. Nell’ultimo volume la Korn ha giustamente voluto dare voce a tutti, per questo ho dovuto mantenere una concentrazione molto più alta, dato appunto l’affollamento di persone e di eventi.

Sebbene qualche personaggio mi abbia piuttosto irritata – Ruth, l’avrei scossa più e più volte chiedendole se fosse scema o cosa – e altri invece mi sono sembrati alquanto patetici – sì, Klaus, ce l’ho con te -, per fortuna ho potuto rivalutarne molti altri, come Florentine e Alex.

È del tutto normale che una trilogia possa subire degli alti e bassi, non è semplice tenere sempre alta l’attenzione del lettore e bloccarlo sulle pagine. “Aria di novità” è in ogni caso un bel romanzo conclusivo – forse un po’ troppo pieno di personaggi, è vero, ma con il tempo tutte le famiglie diventano più grandi e numerose – che alla fine serba un messaggio meraviglioso: il tempo trascorre, porta via chi amiamo, però ricordiamoci di viverlo al meglio e di ringraziare ogni giorno di chi abbiamo accanto e di tutto il bene che ci regala.

Titolo: Aria di novità
L’Autrice: Carmen Korn
Traduzione dal tedesco: Manuela Francescon
Editore: Fazi editore
Perché leggerlo: per concludere la trilogia e riempirsi il cuore di speranza, sempre

(© Riproduzione riservata)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.