Fredrik Sjöberg | Il re dell’uvetta

Alice Eastwood! Di lei avevo sentito parlare. Era stata in Svezia, una volta, al grande convegno di botanica al municipio di Stoccolma nel 1950: le era stato assegnato il ruolo di presidente onoraria, aveva allora novantun anni ed era già una leggenda. Questa sì che era una scoperta! Andai all’istante a cercare nella documentazione un indizio sicuro di autentico amore. E certo, tutto tornava! Eisen aveva dato il suo nome a un lombrico: Mesenchytraeus eastwoodi (Eisen 1904) [Il re dell’uvetta, Fredrik Sjöberg, trad. F. Ferrari, Iperborea]

Nel mondo accademico delle scienze naturali è un onore immenso quando ad una nuova specie – o ancora meglio ad nuovo genere – si assegna il cognome di un altro scienziato. Assegnare il nome della donna (presumibilmente) amata ad un lombrico forse non sembrerà a tutti un gran romanticheria, ma io ne sarei più che onorata.

Assegnando il nome di uno scienziato a genere o specie è come garantire a quello studioso l’immortalità; il suo nome continuerà a comparire nei libri di scienze naturali e nei manuali, e gli studenti lo impareranno. A Gustaf Eisen, eclettico naturalista svedese che visse a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, ne sono stati dedicati innumerevoli, tra lombrichi, ragni, zanzare, api, formiche, parassiti, serpenti e persino alghe. L’ultimo omaggio a Gustav Eisen risale al 2005, quando gli venne dedicato Fridericia eiseni, un verme.

Ma allora, come mai anche nell’ambiente accademico Gustaf Eisen non è così noto? Lo svedese fu ammirato da Charles Darwin, ebbe come maestri i migliori naturalisti svedesi che all’epoca insegnavano a Visby, nell’isola di Gotland, e negli Stati Uniti, quando giunse a Boston, fu raccomandato dal leggendario Louis Agassiz.

La spiegazione di quest’oblio sta, secondo Fredrik Sjöberg, autore de “Il re dell’uvetta” tradotto da Fulvio Ferri per Iperborea, nel fatto che Eisen durante la sua lunghissima vita si occupò di molte cose, saltando da un argomento all’altro. Eisen iniziò come naturalista decrivendo, con un compagno di studi, il delicato ecosistema dell’isola di Gotska Sandön, un’isola sperduta oltre l’Arcipelago di Stoccolma; proseguì occupandosi di vermi e insetti, mosche soprattutto; volò negli Stati Uniti e in California diede avvio alla produzione di vino e di uvetta passa.

Sempre in California, durante la corsa all’oro, decise che le maestose sequoie dovessero essere protette e con buona pace del Presidenti degli Stati Uniti fondò il Sequoia National Park, il secondo più antico d’America. A New York credette di aver trovato il Sacro Graal, un calice d’argento proveniente da Antiochia, e alla fine della sua vita – ormai ultra novantenne – inizio a dedicarsi allo studio delle sfere di vetro per le datazioni archeologiche.

Paesaggio svedese (fonte: Photo by Jon Flobrant on Unsplash)

Fredrik Sjöberg soffia via la polvere dalla figura di Gustaf Eisen e nel suo libro, di genere inclassificabile “Il re dell’uvetta“, riporta in auge la figura dell’eclettico connazionale. Attraverso divertenti anettoti, storie ed equivoci, Sjöberg ci presenta Eisen a tutto tondo, senza mai dimenticare di mettere qui e là un dettaglio autobiografico.

Saltando dalla Svezia a Gotland, dall’Arcipelago di Stoccolma in California e nei grandi parchi degli Stati Uniti, la storia di Eisen si srotola rapidamente come un lunghissimo tappeto. Lo stile di Sjöberg è lo stesso del suo primo libro “L’arte di collezionare mosche“, anche se quest’ultimo è molto più autobiografico.

Se nella prima parte la storia narrata ne “Il re dell’uvetta” mi ha coinvolta, divertita ed emozionata, nell’ultima parte mi è sembrata un po’ ripetitiva e annacquata: sarà che avendo una grande passione per il Nord Europa ho preferito le descrizioni dell’Arcipelago di Stoccolma, di Uppsala e soprattutto dell’isola di Gotland, uno dei luoghi che più mi affascinano del Nord Europa.

“Il re dell’uvetta” di Fredrik Sjöberg è un buon libro che racconta aneddoti, vicende e curiosità legate al mondo delle scienze naturali, ruotando attorno alle figure di grandi naturalisti di diverse nazionalità; è un testo consigliato a chi è interessato alle scienze e a quelle storie che insegnano sempre qualcosa.

Titolo: Il re dell’uvetta
L’Autore: Fredrik Sjöberg
Traduzione dallo svedese: Fulvio Ferrari
Editore: Iperborea
Perché leggerlo: perché è un libro ricco di aneddoti e curiosità, indicato per chi apprezza le scienze naturali

(© Riproduzione riservata)

Annunci

2 pensieri su “Fredrik Sjöberg | Il re dell’uvetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.