Libri, incontri e molto di più: vi racconto il mio #SalTo17

Sabato 20 maggio ho preso un treno al volo verso Torino e ho raggiunto uno degli eventi che durante l’anno attendo con più trepidazione: il Salone Internazionale del Libro. Non scelgo mai il sabato per partecipare a queste manifestazioni, perché preferisco girovagare tranquilla tra gli stand editoriali e di solito il sabato e la domenica ci sono pù visitatori, ma causa altri impegni questa volta non ho potuto evitare di andare al sabato. È stato fantastico lo stesso.

Prima di partire mi ero segnata qualche titolo da acquistare, qualche stand da visitare e amici da incontrare; ovviamente, come succede sempre, è stato stravolto tutto perché le fiere come questa sono imprevedibili e il tempo – quando si entra al Lingotto Fiere – prende a scorrere molto più velocemente, per cui in un attimo ci si ritrova già a fine pomeriggio.

Tutto quello che ho portato a casa dal #SalTo17 (foto: Claudia)

Quest’anno l’organizzazione della fiera ha messo a disposizione per i blogger letterari il pass stampa, quindi appena arrivata sono corsa al desk informativo per ottenerlo. Qui ho avuto la prima, piccola sorpresa della giornata: l’addetto alle operazioni mi chiede il nome del blog, mi prepara il pass e quando me lo consegna mi dice che si segna il nome del sito perché “mi interessano le altre culture e ovviamente amo leggere“.

Con il pass tra le mani – sì, sono finiti i cordini per appenderlo al collo a mo’ di collana – corro al Caffé Fiorio perché Eris Edizioni ha organizzato una bella colazione letteraria con Guillem López autore del romanzo “Challenger“. Siamo sei blogger – Il tè tostato, Una banda di cefali, Emozioni in font, Non riesco a saziarmi di libri, Un antidoto contro la solitudine ed io – e Guillem è disponibile per rispondere alle nostre domande. La gentilissima e brillante Francesca Bianchi, la traduttrice del romanzo, riporta ad un disponibilissimo Guillem le nostre curiosità.

L’autore Guillem Lopez e Francesca Bianchi, la sua traduttrice e interprete (foto: Claudia)

Finita la colazione con Guillem López, entro finalmente al Salone del Libro accompagnata dalla brillante Carla (Una banda di cefali) e dalla simpatica Viviana (Emozioni in font). C’è davvero da perdersi, anche quest’anno, in mezzo ad una vera e propria marea di libri. Corro per prima cosa a salutare Alessia di Cliquot edizioni, il loro stand è un piccolo salottino tranquillo nella confusione del Padiglione 2. Conosco Paolo e Federico, quest’ultimo con un entusiasmo contagioso mi parla della sua ultima traduzione “La cosa marrone chiaro e altre storie dell’orrore” di Fritz Leiber.

A questo punto, ho una missione: incontrare Angela del blog righevaghe e Fabrizia del blog Il mondo urla dietro la porta. Incontro prima Fabrizia, mentre sono intenta ad acquistare “Dove l’aria è più dolce” di Tasneem Jamal (una novità in anteprima) allo stand di Nuova Editrice Berti; Fabrizia e il suo personale e simpaticissimo navigatore satellitare mi faranno compagnia quasi tutta la giornata.

Allo stand di Lindau, a salutare Sara (che mi regala una copia della loro rivista L’Isola), incontriamo la vulcanica Angela. Esordisce dicendo che mi immaginava più alta, ma la perdono perché le voglio bene e perché mi invita al  Triestebookfest (e quanto vorrei andarci…!).

Uno sguardo sul #SalTo17! (foto: Claudia)

Il tempo scorre veramente velocemente, l’appuntamento con il treno del ritorno si avvicina inesorabile; nella folla che si fa sempre più incalzante, decido di ritagliarmi un’ora per gli acquisti. Così, finisco allo stand di Racconti edizioni per recuperare la nuova raccolta di racconti di Mia Alvar – autrice di origini filippine! – “Famiglie ombra” tradotto da Gioia Guerzoni; mi lascio attrarre poi da due romanzi, di autori italiani, letti da Elisa La lettrice rampante, dei quali aveva parlato bene: “Bellissimo” di Massimo Cuomo (E/O Edizioni) e “Overlove” di Alessandra Minervini (Liberaria edizioni).

Il caldo, l’afa e la folla iniziano a diventare pressanti e anche se alla partenza del mio treno mancano ancora quaranta minuti, esco perché sono davvero stanchissima. Stanca sì, ma molto felice: grazie alle persone (anche se nel marasma non sono riuscita a salutare diverse persone che sapevo presenti al Salone), alla colazione letteraria, alle sorprese e soprattutto grazie ai libri la mia è senza dubbio stata una giornata bellissima!

… Quanto manca al prossimo Salone del Libro 😉 ?

Annunci

10 pensieri su “Libri, incontri e molto di più: vi racconto il mio #SalTo17

  1. Mi manca il Salone, di solito ci andiamo tutti gli anni, ma quest’anno causa lavoro non ci siamo andati e sono tristissima. Ho visto tante di quelle foto, post e iniziative che sarei voluta salire su un treno al volo come te 😦 ma dall’Umbria è un po’ difficile ahah

    Liked by 1 persona

  2. Io purtroppo ho saltato tutti gli incontri perché avevo troppo poco tempo: mi sarebbe piaciuto un sacco seguire quello su David Foster Wallace e Philip Roth ma c’era talmente tanta coda che avrei fatto solo quello. In più ho incontrato pochissime blogger perché prima di giovedì non sapevo se sarei riuscita a venire 😦 … e vabé l’importante è avercela fatta: il Salone mi è piaciuto un sacco e sono molto soddisfatta dei miei acquisti. L’anno prossimo spero di riuscire ad organizzarmi meglio!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...