Ángeles Caso | Controvento

Questo libro dalla copertina giallo squillante, con tre barchette colorate a lato e un titolo così romantico, mi ha attratta subito. “Controvento” di Ángeles Caso (marcos y marcos, trad. Claudia Tarolo, pagine 282, 15 €) ha una trama semplice ma che si prefigura trattare forti tematiche: per questo ho deciso di leggerlo, con la certezza che mi avrebbe insegnato e lasciato qualcosa di importante.

16487502_1211424018910701_1075395251679679177_o

Mi sono sempre chiesta se la mia vita sarebbe stata diversa se mia madre non fosse stata una donna depressa. Ritengo di sì. Magari i miei neuroni si sarebbero conformati in un altro modo nel suo ventre, le loro connessioni sarebbero state differenti, gli ormoni e le proteine sarebbero fluiti con un altro ritmo (…) Forse sarei stata una donna decisa e coraggiosa (…) Invece ho vissuto rinchiusa, smarrita nelle mie paure, quasi muta e sorda, facendo il possibile per evitare l’ansia dei cambiamenti, l’angoscia del rischio (…) Per questo ammiro São. Perché lei è stata capace di vivere tutto ciò che io ho soffocato, spento, sepolto sotto strati di terra. Sì, di tutte le persone che conosco al mondo, São è quella che ammiro di più [Controvento, Ángeles Caso, trad. C. Tarolo]

São è una bambina capoverdiana e vive in una delle isole dell’arcipelago al largo delle coste dell’Africa. São non conosce suo padre, e forse è un bene dato che il suo concepimento è frutto di una violenza sulla madre, figura quest’ultima che si è sempre mostrata molto assente, fredda e distaccata nei riguardi della figlia.

São cresce con un’anziana vedova capoverdiana che ha avuto tanti figli, alcuni sono morti e altri sono in Europa, e ora lei è sola in una baracca di legno, senza neppure il pavimento, a badare a São. La bambina è una studentessa eccellente e ha idee molto precise sul suo futuro: sogna di andare in Europa e di studiare medicina. São infatti vede che sulla sua isola una banale dissenteria può uccidere un bambino e questo accade perché la famiglia non ha i mezzi per comprare le medicine o per pagare il consulto di un medico. São sarà dottoressa e curerà i poveri, ne è certa.

Ma il suo destino ha altre cose in serbo, per lei; all’improvviso, la madre lascia Capo Verde e vola a Napoli con un nuovo marito. Smette persino di inviarle i soldi per pagare libri, quaderni e tasse scolastiche, così São si vede costretta ad abbandonare il suo sogno di studiare medicina.

Lavorando per una ricca famiglia di coloni, São incontra un uomo che si rivelano diverso da come si mostra: questo episodio farà sì che per lungo tempo São non riuscirà a fidarsi del genere maschile. Ma per sua fortuna, incontra una donna che la aiuta ad emigrare in Europa; São arriva a Lisbona, in Portogallo, eppure non è il Paese che aveva sempre sognato: molti portoghesi sono razzisti e gli africani come São vivono in palazzoni fatiscenti e pericolanti, fanno umili lavori pagati poco.

Quando São incontra Bigador inizia a vedere un luminoso futuro davanti a sé, a loro. Finalmente immagina il riscatto, il calore di una famiglia che non ha mai avuto e l’amore di un uomo magnifico. Ma anche questa volta, nulla è come sembra. Eppure, l’energia di São sembra infinita, e nei dolori sembra trovare forza; tanta forza da riuscire a trasmetterla anche ad una donna spagnola, devastata da una storia d’amore finita male.

L’energia di São dovette contagiarmi. Da quando arrivò a casa mia, mi sentii sempre meglio (…) Forse fu soltanto che il suo coraggio e la sua forza mi servirono da esempio (…) In ogni caso iniziai a vedere la realtà sotto una nuova luce, cominciai a comprendere che le mie grandi tragedie, tutte quelle cose terribili che fin da piccola mi parevano circostanze terribili, dolori a cui aggrapparsi (…) erano inezie se comparate all’esistenza di un’infinità di esseri umani in buona parte del mondo [Controvento, Ángeles Caso, trad. C. Tarolo]

800px-ribeira_principal-habitation_4

Abitazione a Ribeira, Isola di Santiago, Capo Verde (fonte: Ji-Elle, Wikipedia Commons, CC BY-SA 3.0)

Ángeles Caso affida la narrazione ad una donna spagnola, per un periodo datrice di lavoro di São. Nel primo capitolo del romanzo è proprio la donna spagnola che si presenta, con tutte le sue insicurezze e paure, specialmente la paura di amare e di essere amata. Inizia quindi a raccontare la storia di São, la sua collaboratrice domestica, perché curiosamente è proprio questa donna capoverdiana ad aver aiutato la donna spagnola. Nonostante le avversità della vita, infatti, São non si è mai abbattuta né lasciata andare. E le difficoltà, sono state davvero moltissime.

La Caso è una narratrice molto brava: il romanzo è scorrevole e decisamente coinvolgente, con un periodare a tratti un po’ artificioso, ma funzionale alla perfetta descrizione dei sentimenti delle figure femminili. Sono proprio le donne, infatti, le vere protagoniste della storia e sono estremamente ben delineate: dalla madre di São, con le sue sventure, alla donna che l’ha allevata; la prima padrona di São, la donna che ha procurato i documenti per il viaggio a Lisbona, l’amica femmista che aiuterà São in una difficile decisione; la suocera angolana, le cognate, Lia e poi la sua amica spagnola.

Quella di São è una storia vera: Ángeles Caso da bambina aveva avuto una bambinaia capoverdiana che si sventure nella sua vita ne aveva patite tante. Questo dettaglio aggiunge alla storia quella veridicità che ci fa capire come spesso quelle che noi pensiamo essere difficoltà insormontabili non sono ostacoli così grandi, commissurati alle sofferenze degli altri. E anche se non è semplice, ogni delusione dovremmo superarla con positività, con entusiasmo, proprio come São.

Titolo: Controvento
L’Autrice: Ángeles Caso
Traduzione dallo spagnolo: Claudia Tarolo
Editore: marcos y marcos
Perché leggerlo: “Controvento” è un romanzo scorrevole, ben scritto e tradotto, dove le donne sono le protagoniste; figure femmili ben delineate, nella psicologia, nei sentimenti, nei drammi. Un libro per non lasciarsi abbattere dalle difficoltà, ma per imparare a reagire con entusiasmo e positività

Annunci

2 pensieri su “Ángeles Caso | Controvento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...