Nicolas De Crécy | La Repubblica del Catch

Questo è l’anno in cui ho scoperto quanto sia divertente leggere delle storie raccontate tramite disegni e fumetti, e oggi vi parlo de “La Repubblica del Catch” del fumettista francese Nicolas De Crécy (Eris edizioni, 222 pagine, 17 €), una storia assolutamente strampalata e surreale dove il filo conduttore è la bellezza della musica.

20160820_092217

Titolo: La Repubblica del Catch

L’Autore: Nicolas De Crécy è uno dei maestri visionari del fumetto in lingua francese, è attivo dall’inizio degli Anni Novanta con il suo inconfondibile stile

Traduzione dal francese: Fay R. Ledvinka

Editore: Eris edizioni

Il mio consiglio: è una bella graphic novel per chi cerca una storia assolutamente visionaria, strampalata e bizzarra

E’ mio amico… In realtà, ne ho solo uno… un pinguino. Non è molto affettuoso, ma mi fido di lui. Non è neanche troppo loquace, ma va bene così, si esprime con la musica. Debussy, Schubert, questa gente qua… Io, non ne conosco uno. E, cosa strana, la musica lo fa andare avanti… non saprei come altro dirlo. E’ un fenomeno particolare, non ne ho mai parlato a nessuno, quando lui suona, è una forza, forse la forza della musica, che suona il pianoforte. [La Repubblica del Catch, Nicolas De Crécy]

Prendete una città dove succedono cose strane, una specie di metropoli. Degli spettri – buoni – che vivono in un fabbricato abbandonato. Un ometto tenero e timido che vende pianoforti ma non sa suonarli, un pinguino che non parla ma suona benissimo. Aggiungete una famiglia mafiosa e combattiva, uno sport cruento e violento, agitate il tutto e otterrete la trama e i personaggi de “La Repubblica del Catch” di Nicolas De Crécy.

Mario è un timido personaggio, un po’ buffo bassotto e col riportino, che vende pianoforti. Il suo unico amico è un pinguino, che quando si mette al pianoforte suona melodie bellissime capaci di incantare tutti, e – cosa strana – lo strumento e il pinguino iniziano a camminare, anzi correre.

Mario ha una famiglia oppressiva e crudele, in particolare un nipote precoce e malvagio, benché sia ancora piccino ordisce dei piani degni del più cattivo mafioso della città. La famiglia vorrebbe che anche Mario praticasse il catch, una lotta sanguinosa che ricorda un po’ lo spettacolare wrestling. Ma Mario non ne ha nessuna intenzione, preferisce vivere in pace, vendendo pianoforti e ascoltando la suadente musica del pinguino.

La famiglia, però, non lascia correre e se la prende con Mario. Inizieranno così una serie di avventure bislacche e bizzarre, personaggi inquietanti e incredibili, mentre il pianoforte del pinguino navigherà e correrrà per le vie della città a prestare aiuto al povero Mario vessato dalla famiglia.

nicolas-de-crecy_la-repubblica-del-catch_00-1030x615

La storia di Mario è quella che, tra le righe, incarna un po’ quella di tutti noi. Quante volte ci siamo sentiti oppressi da qualcuno “più forte”, che ci ha obbligati e costretti a fare qualcosa che non avevamo voglia di fare. Esistono quasi sempre, per fortuna, delle vie di fuga: Mario ha la musica, suonata dall’unico amico pinguino, e sogna – sempre timidamente – la bella Bérénice, la quale però preferisce Ares, uno dei campioni di catch della città.

Attraverso disegni in bianco e nero, ma tratteggiati con cura, Nicolas De Crécy racconta la storia del piccolo Mario che cerca, sempre utilizzando la sua innata bontà d’animo, il suo posto nel mondo. E’ difficile mettersi al riparo dai soprusi, nella vita, purtroppo questi sono quasi una costante. Ma ci sono gli amici e le vie di fuga: bisogna solo saperle riconoscere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...