Tomáš Zmeškal | Lettera d’amore in scrittura cuneiforme

Buongiorno lettrici e lettori! Questa mia recensione chiude il blogtour del romanzo Lettera d’amore in scrittura cuneiforme di Tomáš Zmeškal, con la traduzione di Laura Angeloni, organizzato da Safarà editore. A maggio vi avevo raccontato quanto fosse magica Praga e poi ho seguito l’intero blogtour ospitato sui blog: Turisti per sbaglio, I Viaggiascrittori, Martinaway, Che libro mi porto.

In questa ultima tappa recensirò Lettera d’amore in scrittura cuneiforme come sono solita fare, sempre con la speranza di incuriosirvi e affascinarvi, nonché offrirvi nuovi spunti per le vostre prossime letture.

20160609_090038

Titolo: Lettera d’amore in scrittura cuneiforme

L’Autore: Tomáš Zmeškal è nato a Praga nel 1966 da madre ceca e padre congolese. Lascia la Cecoslovacchia nel 1987 per andare a vivere e lavorare a Londra. Torna a Praga dopo il crollo del comunismo e inizia a lavorare come insegnante di scrittura creativa e scrittore. Lettera d’amore in scrittura cuneiforme gli è valso il Premio dell’Unione Europera per la Letteratura

Traduzione: Laura Angeloni

Editore: Safarà editore

Il mio consiglio: è un romanzo polifonico e struggente, un’immersione nella cultura dell’Europa orientale, un’amore fortissimo espresso attraverso una lingua ormai estinta capace di attraversare le tempeste della Storia

Pur essendo ancora convinto che il tempo sia una grandezza fisica fissa, e consapevole che un secondo non sia che l’ottantaseillesima parte di un giorno solare medio, confesso, Květa, che la mia fede vacilla (…) Ho anche paura di non fare in tempo a dirti che non ho mai smesso di amarti. Niente nella vita mi è costato più fatica di questa confessione. E poi mi è venuto in mente di scrivere questa lettera in lingua ittita, in caratteri cuneiformi. E’ stato il ricordo dei nostri primi incontri, dei nostri primi appuntamenti, a indurmi a questa follia. So che questa è l’unica cosa che non c’è bisogno di spiegare. Josef [© Lettera d’amore in scrittura cuneiforme, Tomáš Zmeškal, traduzione Laura Angeloni]

L’allegria e l’entusiasmo di Alice nei giorni precedenti al suo matrimonio permeano le prime pagine della storia. Alice si sveglia immersa in una stanza colma di rose rosse e profumatissime, c’è un po’ di trambusto e di concitazione per la cerimonia imminente. La madre di Alice, Květa, vuole che la figlia si sposi in chiesa e da Praga fuggono in campagna, sfuggendo ai divieti imposti dai comunisti che dominano la Cecoslovacchia.

Da questo punto, si dipana la narrazione che magistralmente l’autore ceco Tomáš Zmeškal riesce a tessere con notevole capacità; l’autore introduce personaggi indimenticabili perché particolari, come il pasticcere incaricato di realizzare la torta nuziale di Alice, e che spesso intraprende dei ragionamenti un po’ strani e ha visioni hitleriane sul futuro.

DSC_0899_blog

Ponte Carlo in notturna, Praga (foto: Claudia)

Luoghi, tempo, spazio: tutto in questo romanzo viene mescolato e rimescolato, tanto che all’inizio Tomáš Zmeškal riesce a spiazzare il lettore, che si chiede esattamente cosa stia succedendo. Perché la storia di Lettera d’amore in scrittura cuneiforme non è narrata in modo lineare dato che Tomáš Zmeškal rompe la fluidità del tempo aprendo squarci sul passato, proprio come succede a noi che ogni giorno – per un motivo o l’altro – rievochiamo o raccontiamo ad altri episodi del nostro passato.

C’è poi l’amore a dominare il romanzo, come si intuisce dal poetico ed evocativo titolo: l’amore tra Květa e Josef come quello tra Alice e Maximiliàn, o tra Alice e suo figlio. Ma è la Storia a gettare ombre sui rapporti umani, come spesso accade, del resto.

Quando Tomáš Zmeškal ci porta indietro nel tempo, ci racconta le crudeltà del regime comunista, gli arresti, le accuse infondate, il clima di terrore; Josef stesso viene arrestato e solo tanti anni dopo potrà incontrare Alice, sua figlia, diventata quasi signorina. Ma durante gli anni di assenza di Josef, alla moglie sono accadute molte altre cose terribili da portare quasi all’estinzione il loro amore.

Capii che non ero stato solo io a scegliere, a innamorarmi, ma ero stato scelto, ero amato. Poi, in prigione, me ne resi conto all’improvviso. Quella sensazione, la sensazione di essere amato da Květa, il suo evidente amore per me. Quella sensazione era stata come un piccolo Natale in mezzo alla tundra siberiana [© Lettera d’amore in scrittura cuneiforme, Tomáš Zmeškal, traduzione Laura Angeloni]

Sullo sfondo di una Praga effimera e leggera come una nuvola, che viene citata in modo quasi timido, la famiglia di Josef attraversa gli anni più difficili della Storia del suo Paese. L’amore che il regime comunista ha cercato di distruggere, la scrittura antica di una lingua morta cerca di risaldare: sarà una lettera scritta usando i caratteri ittiti, bellissima e struggente, che Josef scriverà alla moglie che non ha mai smesso di amare. Nostante le difficoltà, i dolori, le calunnie, i dispiaceri. Nonostante la Storia abbia cercato di separarli, crudelmente come solo una guerra o la morte possono fare.

Scrittura cuneiforme? Quando vidi per la prima volta quegli strani segni cuneiformi mi sembrarono le impronte di uccelli acquatici. Impronte di uccelli dalle zampe palmipedi. Di sicuro più piccole, come di piccoli passeri, però d’acqua. [© Lettera d’amore in scrittura cuneiforme, Tomáš Zmeškal, traduzione Laura Angeloni]

Lettera d’amore in scrittura cuneiforme è un concentrato di sentimenti, personaggi, fatti storici appena accennati, luoghi la cui bellezza si può solo intuire date le timide descrizioni. E’ un romanzo unico nel suo genere, dove vengono mescolati spazio, tempo, persone; un libro dove è l’amore è fortissimo, nonostante tutto, e vince lo stesso benché all’apparenza sembri morire. Pagine densissime dove emerge chiaramente come il passato sia una bussola che decifra il nostro tempo e ci fa capire quale direzione prendere.

Annunci

6 pensieri su “Tomáš Zmeškal | Lettera d’amore in scrittura cuneiforme

    • Grazie per essere passata di qui, Chiara 🙂 son contenta che la recensione ti sia piaciuta!
      Anche per me è stato bello rivivere Praga, conoscere Safarà editore e la collana KEL di letteratura europea e ovviamente conoscere nuovi blogger!
      Spero davvero che i nostri articoli abbiano incuriosito i lettori e le lettrici 🙂

      Liked by 2 people

  1. Mi porterò a lungo dentro questo romanzo e per l’intensità ed il suo essere così insolito nella narrazione, ma anche perché l’intera idea del blogtour mi è piaciuta molto. Quando andrò a Praga (non so quando, ma ci andrò) non credo che potrò mai liberarmi, né d’altronde lo voglio, dalle mille visioni create dal libro come dai fantasmi dei suoi personaggi.

    Bellissima recensione Claudia: “Zmeškal rompe la fluidità del tempo aprendo squarci sul passato” e forse anche sul futuro con le sue continue “visioni” perché in fondo “il passato é una bussola che decifra il nostro tempo e ci fa capire quale direzione prendere”, lo dici in maniera sublime ed a leggerti mi ci ritrovo tanto 🙂

    Liked by 1 persona

    • Ciao Roberta! Sono io che devo ringraziarti per aver seguito le mie tappe e aver letto gli articoli. Ti auguro davvero di cuore di poter andare a Praga, perché è una città bellissima che conquisterà senz’altro la tua famiglia. Grazie per l’apprezzamento alla recensione, spero di aver incuriosito anche altri lettori e lettrici con le seggestioni di Zmeškal.
      Alla prossima avventura 😉

      Liked by 1 persona

  2. Sai usare le parole in modo splendido. Ho letto il libro, ma alla fine di questa recensione mi è venuta voglia di rileggerlo, di immergermi di nuovo tra le sue pagine con una consapevolezza diversa.

    A presto, è stato bello leggere questo libro con te e gli altri blogger 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...