Una pagina di diario: le mie letture, il blog e tante cose belle

Immaginate questo articolo come una pagina di diario: oltre ad augurare un buon anno nuovo a tutti voi, lettori e lettrici del mio blog, vorrei raccontarvi com’è andato questo anno di letture, vita da blogger e di cose belle che mi sono accadute.

Inizio a parlarvi di libri, giacché sono loro i protagonisti principali del blog che state leggendo “Il giro del mondo attraverso i libri”. Quest’anno ho letto molto, anche se alcuni libri erano fin troppo sottili per i miei gusti (infatti alcuni sono finiti nella classifica dei peggiori dell’anno): in totale ho letto 77 libri e – fortunatamente – solo 5 sono i libri da dimenticare.

1450370798_767713_1450370967_noticia_normal

Il mio 2015 da lettrice è stato un anno di letture… spaziali!

Quest’anno è stato ricchissimo di scoperte letterarie: ho letto libri di nuovi autori e soprattutto conosciuto nuovi editori, alcuni già presenti da anni nel mondo dell’editoria italiana, altri appena nati. Il 2015 lo posso definire come anno di svolta per il mio modo di leggere e il mio modo di vedere le cose: è vero, non sono un critico letterario né possiedo titoli per giustiziare o santificare un libro o un autore, ma questo come ben sapete è un semplice spazio dove ognuno racconta la sua visione del mondo; parlavo di una svolta nel senso che ho iniziato a comprendere il valore dell’editoria indipendente. Se gli editori indipendenti E/O ed Iperborea già li conoscevo e li apprezzavo, quest’anno posso dire di averne conosciuti molti altri e, tra loro, alcuni mi hanno cortesemente concesso una o più collaborazioni.

Questo è stato l’anno della prima edizione di #ioleggoperché, un progetto al quale io ho subito aderito con entusiasmo per poi vedere che è stato tutto fumo e niente arrosto, tanto che dei libri che ho disseminato a Torino il 23 aprile non ho più saputo nulla. Insomma, lo definisco come un fallimento e uno spreco di denaro.

Quest’anno ho saltato il Salone del Libro di Torino, ma ho recuperato a giugno con un evento letterario molto bello: La grande invasione a Ivrea, che oltre ad avermi fatto scoprire quanto Bjorn Larsson sia simpatico, mi ha permesso di conoscere Elisa, che conoscerete meglio come La lettrice rampante.

Era la prima volta che incontravo dal vivo una persona che finora avevo solo seguito sull’Internet, e la cosa sorprendente è stata che pur non essendoci mai conosciute, mentre parlavamo di libri e di ciò che ruota attorno ai libri, ci siamo rese conto di avere parecchie cose in comune (e gusti letterari abbastanza similari). Che altro dire se non “mai sottovalutare il potere dei libri“?

amicizia letteraria

“Mai sottovalutare il potere dei libri”

Da quest’anno ho iniziato a intervistare autori italiani e a pubblicare le interviste sul blog: per ora sono solo tre, ma mi ha dato una grande soddisfazione ricevere via mail le loro risposte e proporre ai lettori e alle lettrici questi approfondimenti letterari!

Con Federica de Una ciliegia tira l’altra ho iniziato ad andare al cinema ogni settimana (e ne è andata anche una bella rubrica che teniamo assieme), con Elisa abbiamo ideato il progetto “Una valigia di libri”, un viaggio letterario attraverso i romanzi, che se vorrete partire con noi vi terrà compagnia fino a giugno (i dettagli qui e qui).

Ma quest’anno oltre alle belle letture e alla nuova amicizia con Elisa, mi ha portato altre due sorprese: la prima è stato un libro sospeso per me ed Elisa da parte di una nostra fan che ci segue dall’Inghilterra, e la seconda una e-mail di una traduttrice francese che mi ha scritto da Parigi facendomi i complimenti per il blog e dicendomi che avendo visto il biblioalbero di Natale che ho fotografato alla Biblioteca Civica di Rivarolo ha deciso di allestirne uno presso la Libreria franco-italiana di Parigi che frequenta spesso.

I progetti per questo 2016 in arrivo sono molti, ho tante idee in mente e tanti sogni nel cassetto. Da gennaio mi abbonerò a L’Indice dei Libri del Mese, per cui ogni quattro settimane mentre leggerò la copia cartacea vi aggiornerò sulle novità letterarie del momento e vi segnalerò gli articoli più interessanti.

Tornando ai libri, che cosa leggerò quest’anno? Dalle anteprime che ho visto circolare in rete sui siti di diversi editori, credo che sarà un anno ricco di belle letture, qualche esempio?, eccoli:

  • Il pazzo dello zar di Jaan Kross (Iperborea, gennaio 2016): perché dell’autore estone Kross ho già amato i tre racconti raccolti ne “La congiura”
  • Il re dell’uva [titolo provvisorio] di Friedrik Sjöberg (Iperborea, nel corso del 2016): perché L’arte di collezionare mosche mi è piaciuto moltissimo e ora voglio leggere altro dello scrittore svedese Sjöberg
  • Yoshe Kalb di Israel Joshua Singer (Adelphi, 2016): di Israel Singer ho già letto e apprezzato La famiglia Karnowski e finalmente esce in edizione economica anche Yoshe Kalb
  • Scorpion Dance di Shifra Horn (Fazi, gennaio 2016): pur non avendo mai letto nulla di questo autore israeliano, la trama mi sembra molto avvincente e sulle mie corde
  • Una famiglia decaduta di Nikolaj Semënovič Leskov (Fazi, febbraio, 2016): un classico russo che esce per Fazi con una nuova traduzione
  • Hablame de amores di Pedro Lemebel (marcos y marcos, nel corso del 2016): Lemebel è uno degli autori che ho “scoperto” quest’anno, grazie alle belle recensioni delle blogger Elisa e Thais, un libro che poi ho regalato a Federica che so che il Cile se lo porta nel cuore; tant’è che attendo la traduzione collettiva di “Hablame de amores” con trepidazione
  • Crepuscolo di Kent Haruf (NN Editore, nel corso del 2016): lo so, non ho ancora letto i primi due volumi della trilogia della Pianura di Haruf, ma io sono già sicura che mi innamorerò di tutto ciò che ruota ad Holt
novita libri 2016

Alcune delle novità letterarie che attendo di leggere nel 2016

E per concludere la mia pagina di diario, ecco i miei buoni propositi per il 2016 (letterari e non):

  • Vorrei proseguire il mio giro del mondo attraverso i libri con la scoperta di autori e autrici di Paesi meno conosciuti
  • Vorrei continuare a leggere libri e a collaborare con editori indipendenti
  • Vorrei imparare a preparare i biscotti in casa, da mangiarli mentre sorseggio il tè e leggo un libro
  • Vorrei partecipare al Salone del Libro di Torino in qualità di blogger (così il biglietto mi costa la metà, e i soldi risparmiati andranno in libri)
  • Vorrei approfondire la letteratura classica che non ho studiato al liceo e continuare il mio percorso sulle letterature nordiche e russe che amo tanto
  • Vorrei incontrare dal vivo altre blogger che parlano di libri (magari al Salone del Libro di Torino o a La grande invasione di Ivrea)
  • Vorrei essere sommersa da libri, nuovi, vecchi, usati, in prestito, insomma… sommersa di letture (possibilmente belle!)
  • Vorrei che voi lettori continuaste a leggermi e a seguire le mie avventure, perché senza di voi e delle vostre interazioni questo blog sarebbe un semplice contenitore sterile di parole
  • … Vorrei di nuovo vedere un tramonto al mare, che sia il nostro Mediterraneo o l’Oceano Atlantico o il Mar Baltico o il Mar Egeo, mi basta l’emozione di vedere il sole si tuffa tra le acque…

Buon 2016 e Buone letture a tutti voi!

Annunci

8 pensieri su “Una pagina di diario: le mie letture, il blog e tante cose belle

  1. Carissima Claudia, complimenti per i traguardi raggiunti quest’anno e che di certo saranno arricchiti, con ulteriori soddisfazioni e divertimento meritatissimi, nei prossimi mesi, perché si avverte tutta la tua passione di lettrice e di blogger, e devo a te molti consigli letterari! Un grandioso 2016 di libri e felicità! 🙂

    Liked by 1 persona

    • Cara Cristina, grazie del commento e degli auguri! Spero che gli spunti di lettura presi qui si siano rivelati all’altezza delle aspettative 🙂 Un caro augurio, tanta felicità!

      Mi piace

  2. Auguroni di buon anno! Mi piace molto il tuo blog e la passione che ci metti, ti seguo da un po’ e grazie al tuo post ho appena scoperto della traduzione collettiva di Hablame de Amores di Pedro Lemebel (che ho “conosciuto” solo l’anno scorso e mi sono innamorata di Ho Paura Torero)… Non vedo l’ora che venga pubblicato!
    Buon 2016, di cuore.

    Liked by 1 persona

    • Cara Marta, anzitutto Auguri per un ottimo 2016 ricco di felicità e belle letture!
      Grazie per i complimenti al blog! Anche io non vedo l’ora che venga pubblicata la traduzione di quest’altro libro di Lemebel!

      Mi piace

    • Cara Elisa, grazie per il commento e soprattutto grazie per l’amicizia e i consigli di lettura! Ti auguro un anno ricco di belle letture! E… viva il potere dei libri!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...