Edmondo De Amicis | Cuore

Ogni tanto è bello tornare piccoli e quando ho visto “Cuore” in offerta a 3,90 euro (Edizioni Newton & Compton) ho deciso di comprarlo e leggerlo. Alle elementari la maestra ce ne aveva letto solo alcuni brani qui e là, e ora ho deciso di leggerlo integralmente.

Titolo: Cuore

L’Autore: Edmondo De Amicis nacque a Oneglia nel 1846. A quattordici anni cercò di fuggire di casa per unirsi ai soldati di Garibaldi, intraprese successivamente la carriera militare e partecipò alla III Guerra di Indipendenza. Si confermò come scrittore grazie a libri quali “Cuore” e “Vita militare”, nonché molti racconti di viaggio come “Sull’Oceano”. Morì a Bordighera nel 1908 e venne seppellito a Torino, nel Cimitero Monumentale.

Editore: Newton Compton Edizioni

Ambientazione: Torino

Il mio voto: 3/5

Ama il tuo maestro, perché appartiene a quella grande famiglia di cinquantamila insegnanti elementari, sparsi per tutta Italia, i quali sono come i padri intellettuali dei milioni di ragazzi che crescono con te, i lavoratori mal riconosciuti e mal ricompensati, che preparano al nostro Paese un popolo migliore del presente. [Cuore, citazione a pagina 80]

La trama del romanzo è molto semplice: Enrico Bottini è uno studente di terza elementare e a mo’ di diario racconta un intero anno scolastico in una sezione maschile di una scuola della Torino di fine Ottocento. Enrico parla poco di sé, ma è una sorta di narratore onniscente poiché conosce molto bene la vita e gli episodi che caratterizzano i suoi maestri, i suoi compagni e le loro famiglie.

Conosciamo la vita di Enrico solo grazie alle lettere che gli scrivono i suoi genitori e sua sorella Silvia: testi che lui prontamente ricopia nel suo diario ideale.

Ogni episodio che Enrico racconta è denso di significato e di morale: lo scopo del romanzo è chiaramente quello di insegnare ai bambini e ai ragazzi come si sta al mondo, quali sono i comportamenti da tenere, quali sono le cosa da fare e quelle da non fare.

De Amicis è molto idealista e patriottico: unisce l’Italia – nata da pochi anni – mettendo nella classe torinese un piccolo calabrese (il bimbo che non ha mai visto la neve e quando a Torino la vedrà la prima volta ne farà una palla e se la mangerà come se fosse una pesca); ma De Amicis unisce l’Italia anche grazie ad una serie di racconti che il maestro fa ricopiare ai bambini – che quindi Enrico riporta nei suoi diari – e che hanno come protagonisti tutti i bambini d’Italia: dal tamburino sardo alla piccola vedetta lombarda, giusto per citarne due.

Idealista, dicevo, sì perché la morale che lui presenta oggi ben pochi la rispettano, soprattutto nelle scuole. Troppo spesso leggiamo di bambini che picchiano i compagni – anche procurando loro gravi danni – o che addirittura si scagliano contro bambini disabili – che a mio avviso è un gesto veramente riprorevole; spesso purtroppo sui giornali leggiamo anche di maestre o di insegnanti che malmenano i bambini o peggio abusano sessualmente di loro. Questi brutti episodi che balzano alle cronache e indignano le coscienze dell’opinione pubblica dovrebbero far riflettere: l’educazione, come diceva De Amicis, deve essere messa al primo posto.

Sarebbe davvero bello vivere nel mondo ideale di De Amicis, una città ideale, una scuola ideale; un luogo dove se si commette un torto si chiede scusa, un posto dove se picchio un compagno vengo punito; un luogo dove i maestri fanno il loro lavoro per passione e non giudicano gli studenti, anche quelli con difficoltà di apprendimento. Sarebbe bello un mondo dove sull’autobus si cede il posto al vecchietto carico di borse, e se si vede un mendicante in strada gli si dà almeno un panino. Sembrano cose normali, quelle che ho elencato, ma è garantito che non è più così.

Concludo dicendo che ai bambini e ragazzi forse non servono tante nozioni specifiche e complesse, ci sarà la possibilità più avanti di impararle; quello che serve oggi davvero sono l’educazione civica, il rispetto del prossimo e la coscienza ambientale: senza di esse diventeremo un Paese perduto e arretrato.

Annunci

2 pensieri su “Edmondo De Amicis | Cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...